Perdita di coscienza

Se vi imbattete in una persona che è in stato d’incoscienza e non sapete perché, innanzi tutto mantenete la calma e mandate qualcuno a chiamare un’ambulanza.

Adagiate il paziente sul dorso e controllate la presenza del respiro e del battito cardiaco: una leggera pressione delle dita sul collo dell’infortunato permette di rilevare la presenza del polso carotideo, ossia l’impulso trasmesso dal battito del cuore.

Eseguite il massaggio cardiaco subito se la persona non respira o respira con grande fatica. Eseguite anche la respirazione artificiale se siete stati addestrati a farlo. Continuate con le compressioni toraciche premendo forte e rapidamente fino all’arrivo dei soccorsi, senza mai fermarvi.

Se il soggetto respira e il  suo viso è arrossato e il polso è forte, sollevategli leggermente la testa, slacciategli i vestiti, copritelo leggermente e non dategli nulla per bocca.

Se il viso è pallido e il polso è debole, abbassategli leggermente la testa, alzate le gambe, non dategli stimolanti. Se vomita, girate la testa del paziente da un lato per evitare che soffochi.

Non muovete il paziente se non è assolutamente necessario per evitargli ulteriori danni (Posizione di sicurezza, Trasporto di un ferito). Non toccate e non spostate gli effetti personali di un estraneo o qualunque cosa che possa essere prova di un delitto o di un tentativo di suicidio, tranne nel caso in cui ciò sia chiaramente indispensabile per salvare la vita della persona.

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>