Congelamento

E’ la lesione locale di alcune parti del corpo causate dalla esposizione alle basse temperature. Inizialmente l’infortunato ha formicolii, difficoltà nei movimenti e dolore moderato. Se l’esposizione al freddo persiste, la pelle appare dapprima arrossata e dolente, in seguito violacea con vesciche contenenti liquido sieroso, infine nerastra nei casi più gravi.

Coprite la regione congelata con le mani calde, con indumenti o coperte. Non strofinate gli arti gelati e non applicatevi neve. Portate la persona colpita in luogo chiuso al più presto possibile. Rimuovete gli indumenti bagnati e tutto ciò che stringe. Immergete la parte congelata in acqua che deve essere piacevolmente calda quando la proverete immergendovi il gomito.

Non usate acqua bollente o comunque troppo calda (non oltre i 38 °C). Non applicate borse d’acqua calda o termofori e non tenete il paziente vicino a una stufa. Il calore eccessivo danneggia più che mai i tessuti. Date bevande calde (non alcoliche). Quando il paziente si è riscaldato esortatelo a muovere le parti colpite. Se occorre, medicate con garze sterili.

Vedi Assideramento.

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>