Camici sporchi

Il rapporto governativo sulla corruzione e le proposte.

The White Coats

“Camici sporchi”: la sanità italiana è uno dei principali collettori della corruzione. Lo leggiamo nel rapporto finale della Commissione sulla prevenzione del fenomeno corruttivo che, oltre a individuare i punti più critici, indica le proposte di riforma del comparto.

La deriva della spesa pubblica, con lo sgradevole rimpallo di responsabilità tra le forze politiche, è conseguente alle modifiche al Titolo V della Costituzione in materia di sanità: il trasferimento delle competenze alle Regioni ha di fatto creato tanti piccoli potentati, autonomi anche nei meccanismi di controllo.

I punti critici, seppur in parte modificati dal decreto “Balduzzi” (ormai convertito in legge), rimangono:

  • la selezione e il conferimento degli incarichi dei direttori generali delle aziende sanitarie;
  • i poteri e lo stato giuridico degli stessi;
  • le regole di comportamento del personale;
  • il sistema dei controlli;
  • gli acquisti;
  • i pagamenti.

Mettere mano ai meccanismi che consentono sprechi economici e inefficienze operative sarà un’impresa titanica ma andare avanti così non è più possibile. C’è da chiedersi se le Regioni, spinte da mille interessi localistici, avranno da sole la forza per rinnovarsi.

di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>