Rettorragia. Che fare?

Definizione

La rettorragia è la fuoriuscita di sangue dall’ano. E’ un evento molto frequente, tanto che circa il 15% di persone riferiscono di averlo notato almeno una volta in un anno.

Come si manifesta

La gravità, intesa come quantità di sangue emesso, varia ampiamente.

La maggior parte degli episodi di rettorragia sono minimi: si può avere l’emissione di alcune gocce di sangue, che rendono rosata l’acqua del water, oppure notare tracce di sangue sulla carta igienica. Il sanguinamento si ferma in pochi minuti.

La rettorragia può anche manifestarsi con l’emissione di abbondante quantità di sangue rosso vivo oppure marrone, spesso insieme alle feci. Si può associare anche diarrea.

Quando andare al Pronto Soccorso

Il Pronto Soccorso serve per gestire i casi di emergenza. Recarsi al Pronto Soccorso per un episodio minimo di rettorragia, non associato ad altri sintomi, è inutile.

Bisogna andare al Pronto Soccorso quando:

  • La rettorragia è abbondante.
  • Si associa a dolore addominale e/o anale.
  • Si assumono farmaci anticoagulanti per via orale (warfarina).

Quando recarsi dal medico di medicina generale

  • Sempre al primo episodio.
  • Se non si è eseguita una colonscopia negli ultimi 5 anni.
  • Se si è già avuta una diagnosi di neoplasia benigna (polipo) o maligna (cancro del colon).
  • Se si ha avuto già una diagnosi di malattia infiammatoria cronica dell’intestino (morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa).

Quando non rivolgersi al medico

  • Episodio di rettorragia minore con diagnosi nota di patologia anorettale benigna (emorroidi, ragade, fistola).

Conclusioni

La rettorragia non deve mai essere trascurata. Un medico va praticamente sempre consultato. Solo in una minoranza di casi bisogna andare d’urgenza al Pronto Soccorso.

Leggi anche:


Bibliografia: Picchio M, Marino G, Greco E, Spaziani E. Treatment of hemorrhoids. In: Salinitri PD and Raspallo BM: Hemorrhoids: symptoms, diagnosis and treatment. Nova Publisher, New York, 2010.

di Marcello Picchio

Il dott. Marcello Picchio è dirigente medico di I livello presso l’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Generale dell’Ospedale “P. Colombo” di Velletri (RM).


143 commenti per Rettorragia. Che fare?

  • jessica

    salve sono una ragazza di 22 anni e peso 90 kg.. da circa 10 giorni quando cerco di andare in bagno ho dei dolori nell’ano e dopo che ho finito ho abbondanti perdite di sangue rosso vivo.. il fatto si presenta ogni volta che vado in bagno per fare le feci, e dopo averle fatte ho bruciore e uno strano dolore.. sono molto preoccupata e da un paio di anni ho problemi di stitichezza, cosa può essere? qualcuno mi sa dire qualcosa? grazie in anticipo..

  • Marcello Picchio

    Sono il medico autore dell’articolo. Da quanto riferisci è molto probabile che tu sia affetta da una ragade anale. Per confermare la diagnosi occorre eseguire una visita proctologica. Nel frattempo potrai giovarti di alcuni accorgimenti:
    - Evitare di traumatizzare l’ano con la carta igienica, ma ricorrere al bidet.
    - Usare lassativi per ammorbidire le feci.
    - Alleviare il dolore con antidolorifici.
    Saluti.

  • giuseppa\

    ho avuto un episodio di rettoragia l altro giorno, premetto che soffro di stipsi e dopo che ho avuto una forte diarrea ho continuato ad avere dolori addominali come se dovessi evacuare ma quando andavo in baggno dall’ano fuoriusciva solo sangue il mio medico mi ha fattonprendere il dissenten e si e fermata la fuoriuscita del sangue sono diminuiti i dolori. ma mi devo preoccupare

    • Più che preoccuparsi direi che è giusto chiarire la situazione. Si deve valutare la situazione nell’arco della Sua vita fino all’episodio di perdita di sangue di pochi giorni fa. Con la visita medica si stabilisce quali accertamenti è il caso di fare.

  • mary

    salve dottore e da qualche settimana che ho iniziato una dieta per perdere peso ed è cominciata la stitichezza , ma negli ultimi giorni ho una perdita importante di sangue con dei coaguli e dolori all’ano , tanto che pensavo che arrivato il ciclo invece era sangue dall’ano cosa devo fare ?non riesco neanche ad andare in bagno perchè non appena ci provo comincia a gocciare tanto sangue .

    • La stitichezza è l’effetto indesiderato di alcune diete dimagranti. Può essere talmente importante da scatenare dolori addominali, così come un problema emorroidario.
      Valuti con il Suo medico se la dieta è equilibrata. Ovviamente la visita è necessaria e serve a capire con certezza la causa del sanguinamento.
      Se il sanguinamento è ingente, chieda una visita in pronto soccorso.

  • desideria

    Salve dottore
    ieri è stato il mio ultimo giorno di ciclo ma andando in bagno con grande sorpresa e spavento ho notato sangue sulla carta igienica uscite però dall’ano! non mi è mai capitato, raramente mi escono emorroidi e soffro di stitichezza solo nei giorni antecedenti il ciclo. oggi non ho notato più sangue se non rare tracce dopo aver fatto i miei bisogni. Sarà che ho mangiato troppo/ male ultimamente? sto cercando una gravidanza, può interferire questo fatto? grazie, D.

  • maria

    Salve dottore,
    sono una ragazza di 30 anni,da qualche settimana ho fuoriuscite di sangue colore rosso vivo dall’ano e ogni tanto anche a coaguli, premetto che non ho alcun tipo di dolore quando evaquo e ultimamente, da molto prima della nascita di questi disturbi, non soffro di stitichezza. Il mio medico di famiglia senza visitarmi mi ha prescritto ARVENUM 500 cpr e ANTROLIN pomata, subito sembrava migliorare ma adesso dopo 2 settimana dalla cura che ancora sto eseguendo tutto uguale. Cosa Fare? Attorno all’ano ho… come chiamrle.. delle palline, come un fiore con tanti petali attorno non so se rendo l’idea. Cosa mi consiglia? grazie in anticipo

    • Salve Maria. In molti casi si tratta di emorroidi ma è sempre raccomandata la visita per valutare meglio la causa del sanguinamento e scegliere la terapia giusta. Per prima cosa segua i consigli igienici.
      Alcune terapie che bloccano il flusso sanguigno delle emorroidi (per esempio con legature elastiche) possono essere scelte in caso di emorroidi interne che fuoriescono dall’ano durante l’evacuazione.
      Si può prendere in considerazione l’intervento chirurgico per rimuovere le emorroidi (emorroidectomia) in caso di emorroidi interne che fuoriescono dall’ano o esterne che causano sintomi e non migliorano con i consigli igienici.

  • mery

    Salve sono una ragazza di 35 anni, è ormai un paio di volte che mi capita a distanza di un paio di mesi , mi esce sangue dall ano e nn poco. L anno scorso ho fatto anche una colonscopia ma nn è stato evidenziato nulla.Adesso dovrei fare l anoscopia.Premetto she soffro di endometriosi,ho fatto già due laparascopie.Può essere quello?

  • EriaPreoccupata

    Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni, ieri mi è venuto un forte dolore addominale (simile ai dolori mestruali), mi sono recata in bagno e dopo aver evacquato ho notato che nella carta igienica c’era del sangue (un equivalente di 3/4 goccie) rosso chiaro, nelle feci e nel water non erano presenti traccie alcune di sangue. Premetto che nei giorni precedenti ho mangiato molto essendo andata a una festa di laurea e ho presenti alcune afte in bocca. Dopo questo episodio sono andata in bagno ancora un paio di volte ma non ho più riscontrato alcuna traccia di sangue. A livello anale ho un lieve bruciore in un punto che al tatto sembra essere una pallina morbida (emorroide). Ho contattato un mio amico che sta studiando medicina e mi ha detto che dovrebbero essere emorroidi, ma io vorrei esserne sicura per essere tranquilla. Posso stare tranquilla?

  • @EriaPreoccupata
    E’ l’ipotesi più probabile e può stare veramente tranquilla dopo una visita, specialmente se è il primo episodio.
    Nel frattempo segua i consigli.

  • Carlos

    Salve Dott. , sono un ragazzo di 32 anni e mezzo, non ho avuto mai problemi gravi di salute. Nell’ultimo periodo sono iniziati alcuni acciacchi. Ma la cosa che temo di più è l’ultimo di questi, vale a dire la perdita di sangue color rossovivo (a mio dire) dal retro (ano) e temo vista l’ignoranza a riguardo, che possa essere un qualcosa di più serio. Sono un insegnante ed anche un assicuratore, escludendo malocchi vari (possibili :D), desideravo da Voi informazioni a riguardo di una eventuale cura. Il problema è iniziato da circa 3 giorni, presentandosi solo all’occorrenza di andare in bagno.. mesi addietro ho avuto piccole perdite ma solo alcune gocce, attribuite ad uso scorretto alimentare (tipo mangiare piccante, detto dal medico curante). Tengo spesso a sminuire i problemi inerenti alla mia salute,ma spinto dall’attuale compagna, mi informo onde prevenire eventuali complicazioni. sento un particolare bruciore nell’ano, poco prima ed anche dopo aver espletato le feci. la tassa è da tre giorni ad oggi sempre piena di sangue, senza però che io mi sforzi particolarmente.. non soffro di stitichezza e tutto dunque mi sembra anomalo. Per via del mio lavoro non sono soggetto a sforzi fisici, salvo che alcune volte abbia fatto dei lavori in campagna.. (negli ultimi mesi sarà capitato al massimo 3volte). Distinti saluti ed anticipati ringraziamenti a chi si mette a disposizione come Voi della gente comune.

  • Marcello Picchio

    Sono il medico, autore dell’articolo. Nella descrizione del tuo problema non hai specificato se la rettorragia è associata o meno all’emissione di feci. In caso affermativo e vista anche la presenza di bruciore anale, ti consiglierei di eseguire una visita proctologica con ano-rettoscopia per escludere che ci siano patologie anali. In considerazione della tua giovane età e se non è presente familiarità per malattie tumorali o infiammatorie dell’intestino, mi riserverei di eseguire una colonscopia solo in caso di esito negativo della visita proctologica.

  • titti

    salve…sono tiziana, soffro di stitichezza da sempre e mi è capitato numerose volte di avere rettoragie e forti dolori addominali…due anni fa,dopo aver subito sia colonscopia che gastroscopia…mi sono state diagnosticate sia emoroidi sia reflussogastroesofageo…dop svariate terapie con diversi medicinali,la mia situazione sembrava migliorata… …ma a distanza di 6-7 mesi è peggiorato tutto…ogni qual volta vado in bagno (ed è solo una volta alla settimana) perdo sangue…cerco di aiutarmi con ruscoroid, anonet alla toilette anale,integratori di fibre ma senza riscontrare miglioramenti…e dopo ho sempre forti dolori anali e bruciori all’intestino…la risposta del mio gastrointerologo è sempre la stessa: supposte di buscopan e un alimentazione sana!!!! ho 25 anni, non sono in sovrappeso (alta 1,57 e peso 49kg),rinuncio a pizza,panini e cioccolata!!!! sinceramente sono preoccupata per la mia salute ma al tempo stesso ho paura a sottopormi ad altre visite o analisi…

  • Marcello Picchio

    Sono il medico, autore dell’articolo. Comprendo la tua preoccupazione a sottoporti ad ulteriori accertamenti, ma credo che nel tuo caso sia indispensabile una visita proctologica con anorettoscopia. Solo in questo modo si potrà esplorato in maniera accurata la regione ano-rettale per valutare l’entità del porlasso emorroidario e la presenza di patologie frequenti come la ragade anale che posso giustificare non solo la rettorragia ma anche la presenza di dolore perinale dopo la defecazione. Tieni presente che la colonscopia, da te effettuata recentemente, non è in grado di esplorare in maniera soddisfacente il canale anale.

  • Tony

    Salve Dott., sono Antonio e ho 27 anni corporatura 1.80 per 90 kg e da circa 2 anni frequento la palestra 3 volte la settimana per il resto faccio vita da ufficio e macchina e bevo circa 2 litri di acqua al giorno e non sono stitico.. 15 giorni fa andando al bagno per evacuazione anale ho notato perdita di sangue rosso vivo molto evidente ed ora a di stanza di 15 gg si è ripetuto però il tutto si arresta al termine dell’evacuazione. Sono un pò preoccupato anche perchè a gennaio dalle analisi generali del sangue i valori erano tutti nella norma. Cosa può essere? quali altri esami posso fare perchè ho molta paura di fare una colonscopia.. Grazie

  • Marcello Picchio

    Alla tua età, se non hai familiarità per neoplasie del colon, la oolonscopia è indicata solo dopo una visita procotologica che escluda patologie anali. Comunque se il disturbo è occasionale e non è presente anemia, come tu riferisci, si può anche aspettare per vedere se la rettorragia si ripete.

  • enzo paloschi

    salve dottore,ho 38 anni ultimamente soffro un po di reflusso e faccio fatica a digerire sentendomi gonfio e stanco.premetto intento di non essere uno stinco di santo e ogni tanto nel fine settimana mi piace bere alcolici.
    ultimamente oltre a non digerire bene e a defecare 1 volta ogni due giorni(normalmente ogni giorno regolare)mi sono accorto che nella carta igienica vi erano tracce di sangue vivo ma non abbondante oltre che a lievissimi pruriti e bruciori nell’ano.provvenienti dalla parte sinistra dell’ano stesso!ho anche una pallina un po piu gonfia nell esterno ma è li da tanto avvolte piu avvolte meno gonfia.
    sono un po preoccupato per il sangue ed essendo un po ipocondriaco ne sto facendo un po un dramma!
    secondo lei è il caso di preoccupars?i da due giorni mangio in bianco e vivo regolare perchè penso sia un infiammazione dovuta all’acidità presente nelle feci e nella mia digestione. secondo lei puo essere? grazie e aspetto sua risposta

    • Perdoni il ritardo della risposta. Generalmente si tratta di emorroidi ma è bene accertarlo.
      Nel Suo caso potrebbe essere utile una visita e un breve esame endoscopico dell’ano e del retto anche se non avesse più notato le tracce di sangue.
      Nel frattempo segua i consigli utili.

  • leonardo sacco

    Salve Dottore , mi chiamo Leonardo ho 55 anni due giorni fa’a pranzo ho mangiato delle ciligie e nel primo pomerigio mi sono iniziati dei dolori addominali , nel corso della notte sono stato male , mi sentivo come se non riuscivo a digerire ,dopo qualche ora ho rimesso tanta acqua nera e sinceramente mi sono spaventato , la cosa che mi preoccupa di piu’ e che andando in bagno per evacuare mi sono reso conto che cera del sangue vivo . che devo fare?

  • angy 89

    Salve dottore..volevo un consiglio perchè da parecchio tempo ho delle perdite di sangue(rosso vivo e non troppo abbondanti) rettali con e presenza di feci. non ho particolari dolori o bruciori, non ho mai avuto emorroidi e non accuso dolori addominali. a mio padre qualche anno fa hanno diagnosticato un polipo al colon e anche a mio zio(fratello di mio padre) hanno trovato dei “polipetti”nell’intestino.mi hanno già detto che a circa 30 anni io e mio fratello dovremo fare una colonscopia per questo motivo ma ora ne ho 23. inoltre sono proccupata perchè la consistenza delle feci non è nella norma, anzi, ho quasi sempre la dissenteria. vado in bagno anche 4/5 volte al giorno e non ho un’alimentazione particolarmente pessima in quanto mangio frutta(anche se poca), carne rossa e bianca, alcuni legumi e un pasto al giorno è a base di sola verdura. non ho mai dato troppo peso a questa cosa ma ora temo che al mio bambino possa succedere qualcosa(sono incinta al sesto mese). spero di aver spiegato in modo esauriente il mio problema. la grazio già da ora per la risposta.

  • Marcello Picchio

    In considerazione dello stato di gravidanza credo che al momento la colonscopia possa essere posticipata. Occorre accertarsi con esami ematochimici che non ci siano segni di infiammazione e con un esame colturale e parassitologico delle feci che non ci siano germi patogeni.

  • anna

    buongiorno gentilissimo dottore, sono madre di una ragazzina di 13 anni a cui succedono molto spesso perdite di poche gocce di sangue dall’ano con la defecazione.Non mi sono allarmata inizialmente più di tanto perchè lei, rifiutandosi di mangiare frutta e verdura, è chiaramente stitica.L’unico frutto che mangia è la banana e succhi alla pera.Ieri sera però mi ha molto preoccupata una fuoriuscita di gangue importante, rosso vivo sempre.Avendo solo 13 anni come devo comportarmi? la ringrazio anticipatamente e sarei felice di un suo tempestivo suggerimento.

    • Salve Anna. La stitichezza è causa diffusa di perdita di sangue dall’ano tra gli adolescenti ma per prima cosa è indispensabile capire se la perdita proviene realmente dall’apparato digerente o è di origine ginecologica. Essere genitori richiede capacità e tanto sangue freddo. Dovrà essere così paziente da entrare nella sfera intima di Sua figlia senza trasmettere ansia, spiegandogli ogni cosa e cercandone con calma la piena collaborazione.
      Fatto questo, si può pensare al resto, come a una semplice modifica della dieta e a una visita specialistica.

  • anna

    La ringrazio caro dottore e mi perdoni per la domanda ulteriore che vado a porle:quando parle di problemi ginecologici si riferisce al ciclo? perchè se così fosse è da escludere visto che con la ragazza ho la confidenza assoluta per averlo accertato:La prego, se possibile di chiarirmi questo punto. La ringrazio e la saluto.

    • Sottolineo ancora che la stitichezza è in assoluto una causa molto diffusa ma è giusto capire con razionalità se può esserci dell’altro. Nelle giovanissime il flusso emorragico può essere legato ad un’ovulazione irregolare (ciclo anovulatorio) o a problemi di coagulazione. In caso di metrorragia dopo un rapporto non protetto deve essere verificata l’ipotesi di aborto spontaneo precoce.
      Se la causa è la stitichezza, come di solito accade, si possono ottenere ottimi risultati con il solo aumento pregressivo delle fibre nella dieta utilizzando semplicemente gli alimenti di stagione.

  • baffy

    salve a tutti,spero tanto che possiate aiutarmi,da premettere che sono stitica,ma ieri ero in bagno e dopo tante urla e pianti perché sentivo come un tappo che mi otturava,finalmente ho defecato,ma il problema è un altro,il tappo è uscito ed era una pallina di sangue vera e propria accompagnata da un bel po di sangue…ora mi fa ancora un male cane l’ano e non so cosa fare…chi può aiutarmi e dirmi qualcosa?

  • Marcello Picchio

    Un episodio acuto in un paziente stitico cronico può avere varie cause: da una lacerazione del canale anale (ragade acuta) ad una crisi emorroidaria (trombosi emorrodiaria). Nella prima fase ocorre combattere il dolore (antidolorifici) e la stitichezza (lassativi). Se il quadro clinico non si risolve in qualche giorno è necesaria una visita proctologica per una prima valutazione della problematica. In caso di risoluzione, bisogna tener presente che si è avuto un episodio di emissione di sangue dall’ano (rettorragia) e occorre eseguire una colonscopia in caso di età maggiore di 50 anni.

  • antonio

    ho 17 anni e a gennaio di quest’anno quando sono andato in bagno per defaticare mi è uscito un pò di sangue.Da quel giorno fino ad oggi soffro di questo problema..a marzo sono andato a fare una visita e mi hanno detto che si trattava di ragade..ho fatto un mese di cura ma tutto non è passato…io non provo dolori ma soltanto , a volte , bruciore e vado a sangue…cosa può essere??? premetto che non ho fatto una buona cura per colpa mia

  • simone

    Buongiorno dottore,

    ho 30 anni e ieri sera, dopo avere defecato, per la prima volta ho trovato sulla carta igenica un po di sangue rosso vivo.
    faccio molta attivita fisica e non soffro di stitichezza .
    potrebbero essere emorroidi di i° grado? come curarele senza intervento chirurgico.
    grazie

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>