I sintomi di malattie gravi che dovresti conoscere

Alcuni sintomi avvertono che si ha bisogno di cure immediate. Impara a riconoscerli.

Un inspiegabile dolore al polpaccio o la difficoltà a trovare le parole possono essere sintomi di una condizione grave o pericolosa per la vita?

Il nostro corpo invia segnali, i sintomi e i segni, che ci avvisano di eventuali problemi. Per fortuna, la maggior parte dei sintomi si rivelano non preoccupanti. Ad esempio, la maggior parte dei mal di testa sono causati da stress, affaticamento, mancanza di sonno, disidratazione, mancanza di caffeina o da altre cause banali.

A un tratto, un forte mal di testa – il peggiore di tutta la vita – potrebbe significare un sanguinamento nel cervello. Essere in grado di riconoscere i sintomi di condizioni gravi e chiamare il 118 può salvare la vita.

1. Dolore o fastidio al torace, dolore al braccio, alla mandibola o al collo. Improvvisa sudorazione fredda, estrema debolezza, nausea, vomito, sensazione di svenimento o di essere a corto di fiato.

Un malessere del genere può indicare un attacco cardiaco. Se si hanno alcuni di questi sintomi, chiama il 118 senza aspettare. Durante un attacco di cuore, parlandone sempre con l’operatore del 118, è consigliato masticare una normale compressa di Aspirina ® (a meno di non essere allergici) per aiutare a limitare i danni al muscolo cardiaco.

Non tutti coloro che hanno un attacco di cuore avvertono il dolore toracico o una intensa sensazione di costrizione al collo. Alcune persone, soprattutto donne, gli anziani e le persone con diabete, possono avere attacchi di cuore indolore. Conoscere i segnali di un attacco di cuore senza dolore è di fondamentale importanza: debolezza, un improvviso capogiro, palpitazioni, mancanza di respiro, sudorazione intensa, sensazione di angoscia, nausea e vomito.

E’ molto importante conoscere i segni di un attacco di cuore e capirli nel contesto in cui si verificano. Tutti possiamo avere un dolore alla mandibola ma non è corretto pensare subito “Ho un attacco di cuore!”. Se c’è, invece, anche sudorazione e si hanno alcuni dei sintomi che abbiamo elencato – la mancanza di respiro e così via – allora è giusto sospettare che stia accadendo qualcosa di grave.

2. Paralisi delle braccia e delle gambe, formicolio, intorpidimento, confusione, vertigini, visione doppia, disturbi del linguaggio, difficoltà nel trovare le parole o debolezza, in particolare su un lato del viso o del corpo.

Questi segnali possono indicarci un ictus cerebrale, in cui le arterie che portano l’ossigeno al cervello si ostruiscono o si rompono e il tessuto cerebrale muore.

I sintomi dipendono da quale zona del cervello è coinvolta. Se non funziona un grosso vaso sanguigno, può essere colpita un’area talmente vasta che una persona può avere paralisi su tutto un lato del corpo e perdere altre funzioni, come la parola e la comprensione. Se si blocca un vaso sanguigno più piccolo, si può avere una paralisi limitata ad un braccio o una gamba.

In questi casi si deve avvertire subito il 118 per arrivare prima possibile in Pronto Soccorso, dove è possibile ricevere una terapia mirata. Tale trattamento, che dissolve i coaguli nei vasi bloccati, deve essere somministrato entro le prime tre ore dall’inizio dei sintomi. In qualche circostanza può essere necessario un intervento chirurgico urgente. In ogni caso è bene sapere che le cure più recenti potrebbero funzionare entro un periodo di tempo più lungo.

Ricordate sempre che si tratta di un’emergenza: un trattamento rapido può fermare la morte del tessuto cerebrale prima che le lesioni cerebrali diventino permanenti.

3. Debolezza e dolore al polpaccio, dolore al petto, respiro corto o tosse con sangue.

Questi sintomi indicano inizialmente una trombosi venosa. Consiste nella formazione di un coagulo di sangue potenzialmente pericoloso in una vena della gamba. Accade soprattutto se si è stati seduti per molto tempo, come ad esempio su un aereo o durante un lungo viaggio in macchina. Questi sintomi possono anche comparire se si è stati a letto dopo un intervento chirurgico.

Chiunque è suscettibile. I coaguli di sangue sono più comuni di quanto si possa ritenere. Il sangue coagula più facilmente nelle gambe quando si è seduti o distesi per lunghi periodi di tempo, rispetto a quando si sta in piedi e si cammina. Se si forma un coagulo di sangue nella gamba, il polpaccio si gonfia, duole, è morbido al tatto e ci si deve far visitare.

Se si ha improvvisamente dolore al torace o mancanza di respiro, il coagulo di sangue si può essere rotto e un pezzo di esso può essere arrivato ai polmoni attraverso il flusso sanguigno. Questa condizione è l’embolia polmonare, può essere pericolosa per la vita in pochissimo tempo ed è necessario arrivare in Pronto Soccorso senza ritardo.

4. Sintomi di asma che non migliorano o peggiorano.

Gli attacchi di asma bronchiale sono caratterizzati da respiro affannoso o difficoltà respiratorie. Quando un attacco non migliora o peggiora, il paziente dovrebbe ricevere cure d’urgenza.

Se un attacco d’asma non viene curato, può portare a grave affaticamento muscolare toracico e, in casi estremi, alla morte. Alcune persone con asma persistente esitano ad andare al pronto soccorso perché ci sono già andate tante volte o perché hanno bisogno di qualcuno per guidare l’auto a causa della difficoltà a respirare. Così, invece di cercare la cura idonea, cercano di resistere anche se hanno bisogno di dosi più elevate di inalanti o se le misurazioni della funzionalità polmonare peggiorano quando si utilizza un dispositivo per misurare l’efficienza del movimento dell’aria fuori dai polmoni.

Poiché l’asma rende difficile il respiro, i muscoli per la respirazione possono stancarsi e il volume d’aria scambiato dai polmoni si riduce. Come risultato, il livello di ossigeno nel sangue diminuisce, mentre quello di anidride carbonica aumenta. Un accumulo di anidride carbonica nel sangue ha un effetto sedativo sul cervello. Si può perdere la motivazione e l’energia per respirare.

Le persone con asma, dopo aver lottato molte ore, possono sembrare più rilassate. In realtà potrebbero essere in una condizione peggiore. I pazienti che pensano di stare meglio quando in realtà stanno peggiorando sono in una condizione di grande pericolo. Alla fine, potrebbero addirittura smettere di respirare. Diventano sedati e sembrano tranquilli quando in realtà stanno morendo.

Quindi una delle più importanti considerazioni da fare è valutare la durata della crisi asmatica. Se la difficoltà respiratoria dovuta a asma bronchiale dura da diverse ore, non deve essere sottovalutata anche se sembra in miglioramento. Si deve chiamare il 118 e andare in Pronto Soccorso.

5. Depressione e pensieri di suicidio.

Poche persone possono sopportare un dolore toracico o una difficoltà respiratoria, ma molti sopportano la depressione anche se può essere pericolosa per la vita.

La depressione può essere un problema molto serio perché si può arrivare al suicidio. Molte persone non cercano una cura quando sono depresse perché pensano che la loro condizione sarà percepita come pazzia, debolezza o mancanza di virilità. Devono invece capire che esiste uno squilibrio chimico nel loro sistema nervoso e che si tratta di un malattia come qualsiasi altra.

Sintomi della depressione sono tristezza, stanchezza, apatia, ansia, cambiamenti nelle abitudini del sonno e modifiche dell’appetito. La depressione può essere curata con farmaci e psicoterapia.

Se si sente il bisogno di parlare con qualcuno o si hanno pensieri di suicidio, è possibile parlare con qualcuno subito, a qualsiasi ora, chiamando i numeri di telefono nazionali 199 284 284 oppure 02 99777.

6. Sangue nelle urine senza dolore di accompagnamento.

Ogni volta che si vede sangue nelle urine (ematuria), occorre chiamare subito il medico anche se non cè dolore.

I calcoli renali e le infezioni della vescica o della prostata sono cause comuni di sangue nelle urine. Questi problemi sono in genere dolorosi o creano disagio, il che induce le persone a rivolgersi subito al medico. Al contrario, quando si vede il sangue nelle urine ma non si sente dolore, soprattutto se accade una volta sola, molte persone decidono di aspettare. Questo comportamento, purtroppo, è sbagliato: la mancanza di dolore non significa necessariamente mancanza di importanza.

Il cancro del rene, dell’uretere, della vescica o della prostata possono causare sanguinamento nel tratto urinario quando questi tumori sono abbastanza piccoli da non causare dolore e da poter essere curabili. Questo segno non deve essere sottovalutato perché può essere l’unico indizio per una diagnosi precoce.

Se qualcosa non va, fatti sentire!

I pazienti in grado di riconoscere sintomi potenzialmente gravi possono aiutare i medici ad affrontare più efficacemente i loro problemi. Anche se non sembra accettabile, i medici sono esseri umani: possono sbagliare diagnosi importanti, compresi gli attacchi di cuore. La consapevolezza e l’attenzione del paziente può fare la differenza.

Come medico preferisco avere un paziente informato, in grado di aiutarmi affinché io non faccia errori, piuttosto che un paziente intimorito dal camice bianco o dai paroloni.

di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


1.165 commenti per I sintomi di malattie gravi che dovresti conoscere

  • [...] Per approfondire consulta articolo originale: I sintomi di malattie gravi che dovresti conoscere [...]

  • mena

    salve leggevo i vari sintomi, ma ho un dubbio da togliermi.
    sintomi come sentirsi intontiti, sudorazione fredda, senso di vertigini e debolezza cosa significano?
    sono sintomi di qualcosa in particolare?
    può dirmelo perfavore?è importante..
    grazie.
    a presto.
    spero di ricevere una risposta presto al mio indirizzo e-mail.
    cordiali saluti

    • Sono sintomi non specifici: possono indicare una variazione della pressione sanguigna dovuta a cause diverse, un alterazione del livello di glucosio nel sangue, un attacco di panico.
      E’ bene rivolgersi in Pronto Soccorso se i sintomi sono presenti e non passano subito. Questo permetterà di porsi al riparo da conseguenze spiacevoli o, peggio, pericolose.
      Il Pronto Soccorso può solo escludere o accertare una patologia grave e acuta in atto. Se si tratta di un episodio di breve durata, una valutazione serena e approfondita con il proprio medico è il modo migliore per avere una risposta chiara sulle cause.
      In ogni caso sono sintomi che meritano di non essere trascurati.

  • Salve, due anni or sono ho subito una isterectomia, la mattina dopo l’intervento ho accusato un forte dolore alla gamba sx che i medici dell’ospedale hanno riferito all’interventto stesso. Dopo due anni e numeriosi controlli, mi ritrovo lo stesso dolore, in quanto mai cessato. Ho anche effettuato un esame di ecodoppler che è risultato negativo. Volevp chiederLe se il dolore che avverto poteve essere addebitato ad un coaugulo di sangue. Grata per la risposta, porgo distinti saluti.

    • Facciamo una distinzione, ovviamente per le vie generali.
      Il dolore post-operatorio è sempre riferibile all’intervento e può essere causato dal trauma intrinseco dell’atto operatorio o da una complicanza. La capacità analitica e lo scrupolo del chirurgo possono aiutare a capire l’esistenza di un problema e fanno la differenza. Di sicuro non è un’attività semplice tutte le volte .
      Il dolore a distanza di tempo, invece, può essere una diretta conseguenza dell’intervento oppure no. Come capirlo? Parlandone con il proprio medico, senza tralasciare nulla e procedendo per gradi. Sarà il medico a scegliere di volta in volta gli esami necessari. Nel Suo caso un ecocolordoppler non è l’unico esame possibile.

  • GIOVANNI LIMOLI

    BUONGIORNO DOTTORE,
    DA CIRCA DIECI GIORNI ACCUSO UN MALESSERE STRANO ALLA PANCIA E ALLA TESTA MAI AVUTI PRIMA. NAUSEA CON SENSAZIONI DI VOMITO STORDIMENTO E CAPOGIRI.PREMETTO CHE DORMO NON PIU’ DI TRE ORE A NOTTE, SOFFRO DI ARTRITE REUMATOIDE E DI CONTINUI MAL DI SCHIENA DOVUTI ANCHE ALLA COMPRESSIONE DI 12 VERTEBRE CHE PRESSANO SUI NERVI, INOLTRE, DA CIRCA TRE SETTIMANE, HO PROBLEMI DI RESPIRAZIONE E ERUTTAZIONE. AL MOMENTO CHE SCRIVO, MI TROVO A NEWCASTLE UPON TYNE, IN QUANTO E’ QUI CHE VIVO LA MAGGIOR PARTE DELLA MIA VITA. GRADIREI SE POSSIBILE DEI CONSIGLI E A COSA SI POSSANO ATTRIBBUIRE I SOPRACITATI SINTOMI. NON VORREI ESSERE ESAGERATO MA HO UNA FORTE SENSAZIONE CHE MI SIA VENUTO UN BRUTTO MALE…NELL’ATTESA, RINGRAZIO CORDIALMENTE.
    GIOVANNI LIMOLI

    • Le forti sensazioni non hanno mai alcuna correlazione reale con il proprio stato di salute: hanno lo stesso valore del fare testa o croce con una monetina ma in più aumentano la nostra ansia.
      Si rivolga a un medico di medicina generale per fare il punto della situazione. Con il suo aiuto potrà controllare alcune funzioni di base (la frequenza cardiaca, la pressione sanguina), fare un elettrocardiogramma e, all’occorrenza, anche delle analisi del sangue. Forse sta assumendo farmaci per la Sua artrite reumatoide: nulla di più facile che siano solo effetti collaterali dei medicinali.

  • GIUSI

    BUONGIORNO,DOTTORE…HO 13 ANNI E OGNI DUE TRE MESI MI SUCCEDE CHE IL CUORE MI BATTE PIU FORTE (quasi non lo sento + talmente è forte)E DP SALTA UN BATTITO e successivamente mi da un colpo forte..e dopo riprende a battere normalmente!
    DA DIRLE CHE IO SONO SMPR STATA DA PICCOLA UNA BAMBINA MOLTO ANSIOSA..Anche se nn sn IO ke mi preoccupo..o forse nn me ne rendo conto!! (alcune volte mi sento anche debole)
    ASPETTO UNA SUA RISPOSTA CON “ANSIA” APPUNTO…CIAO!

    • Benvenuta GIUSI.
      L’ansia può fare molti scherzi, anche quando non pensiamo di averla, ma il tuo batticuore può essere dovuto anche ad altre cause. Alla tua età, per esempio, è possibile avere disturbi del ritmo cardiaco di natura benigna, che passano per sempre seguendo solo pochi consigli del medico, oppure disturbi un po’ più seri.
      Parla di questo disturbo a casa e con il vostro medico di famiglia senza aspettare. Aspettare può rendere più complicata la guarigione e aumenta tantissimo l’ansia. Dovrai superare un po’ di disagio per fare eventualmente un elettrocardiogramma o altri esami ma non sono dolorosi e richiedono poco tempo (a parte l’attesa per farli). Nel frattempo prova a non andare a letto troppo tardi e ad evitare alcune cose a cui non si pensa mai:

      Coca Cola, Pepsi o bevande energizzanti come Red Bull;
      dolci o yoghurt al caffé;
      caramelle e gomme da masticare alla caffeina o alla cola (leggi sempre le etichette).

      Crescendo, spesso il batticuore va via da solo. D’ora in poi spero ti batta forte il cuore solo per la felicità!

  • ELENA!

    Quest’estate ho notato una pallina tipo all’inguine.Sono andata dal my medico che mi ha detto che era un pelo.Dopo un po di tempo mi è sgonfiato.Adesso però è ritornato sempre nello stesso punto!
    Cosa posso fare?Mi ha assicurato che non è un linfonodo! Non è rosso e non c’è una puntina!E ogni volta che mi viene è duro..nn so cosa puo essere..lei che ne pensa?
    Spero di essere stato + chiara possibile!! La ringrazio anticipatamente!
    Un grosso bacio!! Ciao!

    • @ ELENA!
      Penso che deve rivolgersi serenamente al Suo medico. Un consiglio: non cerchi visite reali o virtuali su internet perché non servono a nulla e possono essere pericolose.

      Ma perché usa nomi diversi?

  • Giuseppe Ramoni

    Buongiorno Dottore,
    ho 45 anni e sono sovrappeso (125 kg).
    Avendo la pressione un po’ alta 135/90 il mio dottore mio ha consigliato di fare palestra ed effettivamente sto perdendo peso e la pressione e’ migliorata. Mi succede pero’ che a riposo non dirante gli esercizi di aerobica il cuore mi salti un battito. Lo sento proprio come se si ferma per un istante e poi ricomincia.
    La cosa mi preoccupa molto e vorrei il Suo parere.
    Sono molto ansioso e aattualmenter sotto stress per problemi lavorativi/famigliari.
    Grazie
    Giuseppe

    • Avvertire il salto di un battito è una sensazione molto comune. Lo si avverte soprattutto a riposo perché non si è troppo distratti dall’ambiente circostante o dal nostro stesso movimento. Non indica necessariamente una malattia del cuore.
      Riduca l’alcool, vino e birra compresi, e limiti i caffè e i tè. E’ solo questione di tempo e di un po’ di pazienza. Se non vuole rinunciarvi, può tranquillamente consumare i prodotti senza caffeina o teina: il gusto è lo stesso. Sul fumo, invece, ci si deve arrendere perché non farebbe altro che peggiorare le cose. Non aiutano neanche i pasti abbondanti o troppo ricchi di grassi.
      Al Suo posto controllerei ogni tanto la pressione, farei un elettrocardiogramma (anche se lo ha già fatto) e ascolterei i consigli del cardiologo: in alcuni casi può essere utile fare altri accertamenti come una ecografia del cuore se si è ipertesi e in sovrappeso o un elettrocardiogramma Holter per identificare aritmie. Con l’aiuto del medico di famiglia programmerei anche qualche analisi del sangue. Niente di più di una normale prevenzione periodica a cui tutti (medici compresi!) dovremmo sottoporci.
      Perdere il peso in eccesso, come sta facendo, è un’altra cosa importante da fare. L’attività fisica, dopo aver misurato la pressione a riposo per più giorni e dopo aver fatto l’elettrocardiogramma, deve essere aerobica e progressiva. Niente strappi e niente sforzi. Una passeggiata di 30 minuti al giorno a buon ritmo – senza fermarsi a vedere le vetrine o per scambiare due chiacchiere, per intenderci – costituisce un eccellente allenamento cardiovascolare per la maggior parte delle persone.

  • Giacomo

    Buongiorno Dottore. Le scrivo per chiederLe un consiglio in merito a quale medico specialista dovrei rivolgermi per fare controllare mia madre…
    Ha 78 anni, è diabetica – insulino dipendente (seguita da un diabetologo) e da circa 3 anni prova un senso di soffocamento non appena fa qualche decina di passi.
    Inizialmente pensavo fosse dovuto ad una questione di ansia per la vita che conduce a casa sua, visto che quando mi viene a trovare (io vivo a Como, lei a Palermo) quest’affanno le passa…o almeno le si smorza…
    In una delle tante visite che le ho fatto fare è emersa la presenza di un’ernia iatale che (forse) è ciò che le provoca l’affanno…
    Premetto che lei ha già fatto delle visite specialistiche: cardiologica, pneumologica, radiografia della trachea, ecografia della tiroide, dosaggio degli ormoni tiroidei, visita ORL, analisi con scansione del primo tratto respiratorio, tutte con esito (fortunatamente) positivo.
    Da circa 6 mesi però ha i polpacci estremamente turgidi e doloranti e vorrei chiedere un consulto di uno specialista ma non so a quale rivolgermi. Potrebbe darmi un consiglio?
    La ringrazio anticipatamente per avermi prestato attenzione e mi scuso per essermi dilungato.
    Giacomo

  • Salve Giacomo,
    gli intenti di questo sito sono solo quelli di fornire un’informazione quanto più corretta possibile e di creare un dialogo: non deve di certo né ringraziare né scusarsi.
    Non dia un particolare significato alla riduzione dell’affanno quando Sua madre è con Lei. Il miglioramento può essere effettivamente dovuto a una riduzione dell’ansia, mentre in altri casi può essere legato, spesso in modo assolutamente insospettabile, a una simulazione.
    Per la condizione che Lei descrive, come prima cosa e in accordo con il Suo medico, controllerei regolarmente la pressione arteriosa e ripeterei presto la valutazione cardiologica con un elettrocardiogramma, una visita ed eventualmente un ecocardiogramma. Gli edemi agli arti inferiori, infatti, possono essere un segno di scompenso cardiaco. Se questa situazione verrà confermata, una semplice modifica della terapia corrente e qualche controllo periodico possono aiutare presto e bene. Trascurare la cosa, al contrario, può velocemente portare verso episodi di “asma cardiaco” a volte talmente gravi da provocare la morte.
    Se la valutazione cardiologica potrà escludere questa condizione, allora la strada da percorrere sarà quella della visita specialistica angiologica e di un ecocolordoppler degli arti inferiori.

  • luigi74

    salve dott. mi dica cortesemente io da circa 10 gioni o questi sintomi vertigini ,debolezza generale soprattutto alle gambe,nausea,e come la senzazione di respirare affannoso non so che mi sta’ capitando a scm mi chiamo luigi e ho 35 anni giorni fa’ ho fatto tt gli esami del sangue ma devo ancora prendere i risultati dottore intanto mi aiuti di cosa si puo’ trattare a dimenticavo ho anche dolore al collo e sulla spalla ma quello che mi preoccupa tanto e la debolezza che ho nelle gambe le vertigini e anche questo fiato corto nell’attesa di 1 sua risposta la ringrazio in anticipo e le invio i miei piu’ cordiali saluti GRAZIE PER LATTENZIONE.

    • Salve Luigi.
      I sintomi che Lei lamenta si riscontrano frequentemente e non sono specifici di una condizione particolare. Si può trattare, per esempio, di un’anemia o di una malattia infettiva. Spesso la causa è una condizione transitoria, talvolta di lunga durata.
      Lo stress dell’attesa purtroppo peggiora i sintomi ma ora la cosa più saggia da fare è quella di non giungere a conclusioni da solo. Esamini i risultati degli esami del sangue insieme al Suo medico e abbia fiducia.

  • luigi74

    grazie mille dott. mi ha risollevato spero solo che non si tratti di qualcosa piu’ grave.

  • luigi74

    salve dott. vorrei dirle che oggi ho ritirato le analisi e il mio medico mi ha detto che vanno tt perfetti allora io continuo ad avere ancora questi disturbi cioe’ stanchezza debolezza sbandamenti di testa e anche palpitazioni come se avesse un po’ febbre l ho provata ma non ne ho al momento sto’ prendendo polase integratore e tachipirina da 1000 lei cosa ne pensa va’ bene?dice che passeranno questi simtoni? devo ammettere che sono un tipo molto ansioso vorrei dirle un’altra cosa lei dice che e’ opportuno fare degli esami alla tiroide, visto che non lo’ mai fatte?aspetto con ansia 1 sua risposta la saluto cordialmente grazie mille lei e’ molto gentile con gli utenti e’ sa dare le migliori risposte ai pazienti la vorrei tanto come medico di fiducia mi da’ tanta sicurezza

  • angela

    salve dottore io le scrivo per farle sapere che da circa 2 anni soffro di mancanza di fiato che mi viene dallo stomaco ,dai vari accertamenti ho riscontrato ernia iatale e una forma lieve di muchi che si formano sempre nei bronchi che però il dottre dice che non compromettono il respiro che mi manca.3 giorni fa mi è accaduto un episodio non piacevole andando con amici fuori a cena e premetto che faceva molto caldo mi è capitato che dopo aver ballato mi sono dovuta fermare perchè sudavo fredda il mio cuore andava a mille ed il fiato non mi tornava più dopo circa 20 minuti pian pian mi sono ripresa ma per 2 giorni ho avuto stanchezza e debolezza nelle gambe e braccia ..vorrei risolvere il mio problema perchè non ce la faccio più a vivere con questo fastidio mi può aiutare a capire quali accertamenti specifici devo fare la ringrazio anticipatamente

    • Salve Angela.
      Per prima cosa controlli più volte la pressione arteriosa. Spesso non si sa di essere ipertesi e i suoi sintomi possono essere causati da un rialzo della pressione. Non si allarmi se dovesse trovare valori alti: accade spesso, specialmente le prime volte. Ricontrolli serenamente più volte, seduta e a riposo, e prenda nota dei valori.
      Una visita cardiologica e un elettrocardiogramma, anche se li ha già fatti, sono i passi che privilegerei in ogni caso. Da qui si può valutare se eventualmente fare altri accertamenti.

  • mery

    gentile Dottore avverto da un pò di giorni dal rientro da una vacanza in egitto dolori al petto all’osso dello sterno ed un respiro pesante poichè sono molto ansiosa penso sempre ad un infarto sono stata dal mio medico che mi ha tranquillizzata dicendomi che è un colpo d’aria a causa dell’ansia lo scorso anno soffrivo di tachicardia sudorazione e respiro faticoso che mi hanno fatto correre in ospedale dove mi hanno fatto un elettrocardiogramma dicendomi che non c’era nulla di anomalo ed anche la mia pressione è buona. cosa posso fare? non so perchè ma ho sempre paura di avere questo attacco al cuore soprattutto quando sono sola

  • marilisa usula

    salve dott. sono una ragazza faccio 19anni a dicembre, mi sento sempre stanca debbole,mi fanno male i polpacei.. mi manca il respiro ma la cosa che mi preocupa di piu ho un dolore al petto che mi torna alle spalle non so che sia o molta paura di morire, delle volte mi gira la testa delle volte mi passa un dolore e me ne viene un altro.. ho fatto due volte electro cardiogramma ma al pronto soccorso mi dicevano che era panico.. ora no so questa cosa va avantii da un anno ora mi trovo in germania da mia mamma non so come fare!!! sono disperata!!! tantissima paura non sia un infarto o qualche malattia brutta .. che devo fare?????? aspetto con ansia una vostra risposta . marilisa

  • alessandro

    ciao dottore sono Alessandro e ho 17 anni, sento dolori lievi al petto sinistro che mi tirano fino alla spalla sinistra, che può essere?… risp sulla mia email e urgente perchè non sò cosa può essere questo periodo sono anche un pò ansioso. Spero di avere descritto bene, attendo una risposta.Distinti saluti da Alessandro.

    • Ciao Alessandro.
      Nella maggior parte dei casi si tratta solo di un banale disturbo muscolare (le possibili cause sono molte) oppure di un attacco di panico. Se non è mai accaduto prima e il lieve dolore è migliorato, chiedi una visita alla Guardia Medica della tua zona (il numero di telefono puoi averlo dalle farmacie) spiegando quello che senti. Sarà sicuramente una perdita di tempo ma sarà anche il primo passo per evitare che accada di nuovo.

  • GIUSEPPE

    SOFFRO SPESSO DI SUDORAZIONE FREDDA. ALL’IMPROVVISO IL CORPO O UNA PATRE DI EESO SI RAFFREDDA. QUESTA SENSAZIONE DURA 1-2 MINIUTI E POI SCOMPARE. CASA SUGGERISCE DI FARE? SONO MOLTO STRESSATO IN QUESTO PERIODO MOLTO LAVORO. HO FATTO LA PROVA DI SFORZO AL CUORE E ECOCARDIOGRAMMA PARECHHI ELETTRO CARDIO MA TUTTO REGOLARE.

  • Salve Giuseppe.
    Con una situazione cardiologica tranquillizzante può essere ragionevole pensare a attacchi di panico, se non a un vero e proprio disturbo di panico.
    E’ importante non scoraggiarsi ma affrontare subito il problema con un aiuto specialistico psichiatrico.

  • Giusy

    Salve,dottore.
    Mi chiamo Giusy e ho 14 anni e mezzo. Come può ricordare ero iscritta con il nome “Elena” perchè l’account non era mio.
    Comunque sia le volevo chiedere: le malattie del cuore possono essere trasmesse da padre a figlio?
    Sinceramente in questi ultimi mesi non ho avuto problemi con il cuore,ma oggi ha riniziato a battere forte e a saltare alcuni battiti.
    Non mi sono mai rivolta ad un medico fino ad ora,perchè non credo che sia grave,ma vorrei sentire un Suo parere,visto che ha molta più esperienza di me.
    Non so che dirle, io quasi ogni giorno mangio patatine,cioccolate ecc..secondo Lei c’entrano?Ed il caffè? Aspetto la sua risposta,dottore. Ciao.

  • monica

    salve dottore sono una ragazza di 36 anni sono alta 157 e peso 85 pressione 76.139 battiti 94 fatto visita cardiologica e ecg prescritto un ansiolitico e passato un mese che o avuto questi sintomi dolori sotto il seno sx battito accelerato e fiato corto e dolore alla spalla sx secondo suo parere e cuore dovrei fare altre visite o come dice il medico cardiologo che e uno stato d’ansia???? mi risponde al piu presto grazie

  • loriana

    BUONGIORNO,

    SONO UNA RAGAZZA DI 27 ANNI CHE DA CIRCA UNA SETTIMANA SI SENTE MALE. I SINTOMI SONO GIRAMENTI DI TESTA, SENSAZIONE DI STORDIMENTO, AFFATICAMENTO, STANCHEZZA E QUEL CHE è PEGGIO è CHE SONO TALMENTE DEBOLE DA NON RIUSCIRE A FARE NULLA: AD ESEMPIO DI SOLITO VADO IN PALESTRA E IN QUESTI GIORNI NON RIESCO NEMMENO A FARE 5 MINUTI DI CORSA SUL TAPIS ROULANT. IL MIO MEDICO MI HA LIQUIDATA DICENDOMI CHE PUO ESSERE PRESSIONE BASSA O CARENZA DI FERRO: MA LA MIA PRESSIONE è NORMALE E PER IL FERRO PRENDO LE PASTIGLIE QUINDI NON DOVREBBE ESSERE QUELLO. HA ESCLUSO L INFLUENZA PERCHE DICE è TROPPO TEMPO UNA SETTIMANA DI SINTOMI.

    IO CREDO CHE POSSA ESSERE QUALCHE COSA DI PIU DI UNA SEMPLICE CARENZA DI FERRO NON CREDE?

    MI PUO AIUTARE?

    GRAZIE
    LORIANA

    • Si faccia visitare dal Suo medico e gli chieda se non è il caso di fare qualche analisi del sangue. E’ probabilmente la cosa migliore da fare. Non trascuri di misurare la temperatura corporea e di bere molta acqua.
      La prego, non scriva in maiuscolo. Non serve e sembra stia urlando.

  • ELISABETTA

    SALVE DOOTORE,VOLEVO CHIEDERLE UNA COSA……. IERI MATTINA VERSO LE 11.30 MI SONO INFILZATA UNA SCHEGGIA DI LEGNO SULLA COSCIA SEDENOMI AD UNA PANCHINA,NEL POMERIGGIO SONO ANDATA AL PRONTO SOCCORSO PER ESTRARLA PERCHE’ DA SOLA NN CI RIUSCIVO E COSA PER ME STRANA,NON MI HANNO FATTO L’ANTITETANICA. VOLE VO CHIEDERE A LEI SE HANNO FATTO BENE A NN FARMELA E QUINDI POSSO STARE TRANQUILLA O HANNO SBAGLIATO? LE CHIEDO QUESTO PERCHE’ MIO NONNO E’ MORTO GIOVANE DI TETANO CAUSATA DA UNA SCHEGGIA DI LEGNO. PRECISO CHE LA PANCHINA ERA SITUATA NELLA PIAZZA DEL PAESE E NON IN PRESENZA DI TERRENO! IN TAL CASO DI RISCHIO TETANO,ORMAI LE 24 ORE SONO PASSSATE….COSA POTRI FARE PER INTERVENIRE PRESTO? GRAZIE….ELISABETTA

    • Tutto è in relazione al Suo stato vaccinale: se Lei non è vaccinata o l’ultimo richiamo è scaduto, allora dovrà proteggersi. La posizione della panchina, invece, non sembra essere fondamentale.
      Può trovare maggiori informazioni su: Ferite e traumi. Cosa fare contro il tetano? Si rivolga al Suo medico domani stesso, anche se sono passate 24 ore, possibilmente con i certificati vaccinali.
      Prego anche Lei, come per Loriana nel commento precedente, a non scrivere in maiuscolo. Grazie.

  • loriana

    Buongiorno,

    mi scusi per il maiuscolo ma non credevo volesse significare che una persona urla…

    stamattina sono stata a fare le analisi del sangue e attendo con ansia il responso…la temperatura la misuro sempre e bevo molto. Non mi è mai successa una cosa cosi e devo dire che sta continuando…soprattutto la testa che gira…speriamo bene perchè sono parecchio agitata e ho paura sia qualche cosa di grave come leggo online..in tanti mi consigliano di andare al pronto soccorso anche se non so cosa altro potrebbero farmi…

    Comunque le faro sapere il responso quando lo avro

    Grazie
    Loriana

  • anna

    BUON GIORNO,
    da un paio di giorni, sento uno strano odore acre di vomito dal mio respiro, premetto che da 2 settimane mi è uscito il fuoco di s.antonio, un generale stato di malessere.. ho pensato all’acetone..?.. vorrei come si chiama in medicina e cosa ho.
    grazie

    • Salve Anna. Le sensazioni che Lei descrive possono avere cause diverse. Il malessere generale può essere legato all’herpes zoster (il fuoco di Sant’Antonio di cui sta soffrendo), mentre l’odore del respiro può essere correlato all’uso di farmaci contro il dolore. E’ sicuramente utile controllare la pressione arteriosa, bere acqua in quantità adeguate e mangiare cibi facilmente digeribili (pastina in acqua, senza brodo, con poco sale e olio extravergine d’oliva a crudo). Ne parli con il Suo medico, con particolare riguardo ai farmaci che sta prendendo e soprattutto se dovesse notare altri sintomi.

  • Maria

    salve dottore sono una ragazza di 20 anni ho avuto una vita difficilissima xke mia madre è morta 7 anni fa di tumore maligno all’utero e lei aveva 38 anni. Comunque le scrivo perché io accuso tantissimi problemi fisici ma nn mi faccio mai controllare per paura di incontrare un problema tumorale visto ke ereditario da 4 generazioni. Io ho problemi del sono da 4 anni nn riesco ad addormentarmi se prima nn passa almeno 1 ora che sono a letto,poi a volte mi vengono attacchi al petto di dolore lancinante e l’ultima volta aumentava inspirando e per 20 secondi non sono riuscita a respirare e sono scoppiata in lacrime per la paura.perché già mi era venuto altre volte ma nn così drammatico e ho avuto molta paura. Poi soffro di dolori molti forti mestruali e il 90% delle volte mi portano a svenire. Da 2 anni poi ho problemi al ginocchio destro mi si blocca TOTALMENTE e solo Dio può immaginare il dolore ke mi provoca sbloccarlo.cosa può essere?..Io nn voglio fare esami per paura mi dicano ke ho qualcosa di serio per nn far preoccupare mio padre ke ha avuto 3 infarti ed è molto ansioso. Quindi subisco tutti i dolori in silenzio. lei dice che dovrei preoccuparmi?..grazie in anticipo..

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>