I sintomi di malattie gravi che dovresti conoscere

Alcuni sintomi avvertono che si ha bisogno di cure immediate. Impara a riconoscerli.

Un inspiegabile dolore al polpaccio o la difficoltà a trovare le parole possono essere sintomi di una condizione grave o pericolosa per la vita?

Il nostro corpo invia segnali, i sintomi e i segni, che ci avvisano di eventuali problemi. Per fortuna, la maggior parte dei sintomi si rivelano non preoccupanti. Ad esempio, la maggior parte dei mal di testa sono causati da stress, affaticamento, mancanza di sonno, disidratazione, mancanza di caffeina o da altre cause banali.

A un tratto, un forte mal di testa – il peggiore di tutta la vita – potrebbe significare un sanguinamento nel cervello. Essere in grado di riconoscere i sintomi di condizioni gravi e chiamare il 118 può salvare la vita.

1. Dolore o fastidio al torace, dolore al braccio, alla mandibola o al collo. Improvvisa sudorazione fredda, estrema debolezza, nausea, vomito, sensazione di svenimento o di essere a corto di fiato.

Un malessere del genere può indicare un attacco cardiaco. Se si hanno alcuni di questi sintomi, chiama il 118 senza aspettare. Durante un attacco di cuore, parlandone sempre con l’operatore del 118, è consigliato masticare una normale compressa di Aspirina ® (a meno di non essere allergici) per aiutare a limitare i danni al muscolo cardiaco.

Non tutti coloro che hanno un attacco di cuore avvertono il dolore toracico o una intensa sensazione di costrizione al collo. Alcune persone, soprattutto donne, gli anziani e le persone con diabete, possono avere attacchi di cuore indolore. Conoscere i segnali di un attacco di cuore senza dolore è di fondamentale importanza: debolezza, un improvviso capogiro, palpitazioni, mancanza di respiro, sudorazione intensa, sensazione di angoscia, nausea e vomito.

E’ molto importante conoscere i segni di un attacco di cuore e capirli nel contesto in cui si verificano. Tutti possiamo avere un dolore alla mandibola ma non è corretto pensare subito “Ho un attacco di cuore!”. Se c’è, invece, anche sudorazione e si hanno alcuni dei sintomi che abbiamo elencato – la mancanza di respiro e così via – allora è giusto sospettare che stia accadendo qualcosa di grave.

2. Paralisi delle braccia e delle gambe, formicolio, intorpidimento, confusione, vertigini, visione doppia, disturbi del linguaggio, difficoltà nel trovare le parole o debolezza, in particolare su un lato del viso o del corpo.

Questi segnali possono indicarci un ictus cerebrale, in cui le arterie che portano l’ossigeno al cervello si ostruiscono o si rompono e il tessuto cerebrale muore.

I sintomi dipendono da quale zona del cervello è coinvolta. Se non funziona un grosso vaso sanguigno, può essere colpita un’area talmente vasta che una persona può avere paralisi su tutto un lato del corpo e perdere altre funzioni, come la parola e la comprensione. Se si blocca un vaso sanguigno più piccolo, si può avere una paralisi limitata ad un braccio o una gamba.

In questi casi si deve avvertire subito il 118 per arrivare prima possibile in Pronto Soccorso, dove è possibile ricevere una terapia mirata. Tale trattamento, che dissolve i coaguli nei vasi bloccati, deve essere somministrato entro le prime tre ore dall’inizio dei sintomi. In qualche circostanza può essere necessario un intervento chirurgico urgente. In ogni caso è bene sapere che le cure più recenti potrebbero funzionare entro un periodo di tempo più lungo.

Ricordate sempre che si tratta di un’emergenza: un trattamento rapido può fermare la morte del tessuto cerebrale prima che le lesioni cerebrali diventino permanenti.

3. Debolezza e dolore al polpaccio, dolore al petto, respiro corto o tosse con sangue.

Questi sintomi indicano inizialmente una trombosi venosa. Consiste nella formazione di un coagulo di sangue potenzialmente pericoloso in una vena della gamba. Accade soprattutto se si è stati seduti per molto tempo, come ad esempio su un aereo o durante un lungo viaggio in macchina. Questi sintomi possono anche comparire se si è stati a letto dopo un intervento chirurgico.

Chiunque è suscettibile. I coaguli di sangue sono più comuni di quanto si possa ritenere. Il sangue coagula più facilmente nelle gambe quando si è seduti o distesi per lunghi periodi di tempo, rispetto a quando si sta in piedi e si cammina. Se si forma un coagulo di sangue nella gamba, il polpaccio si gonfia, duole, è morbido al tatto e ci si deve far visitare.

Se si ha improvvisamente dolore al torace o mancanza di respiro, il coagulo di sangue si può essere rotto e un pezzo di esso può essere arrivato ai polmoni attraverso il flusso sanguigno. Questa condizione è l’embolia polmonare, può essere pericolosa per la vita in pochissimo tempo ed è necessario arrivare in Pronto Soccorso senza ritardo.

4. Sintomi di asma che non migliorano o peggiorano.

Gli attacchi di asma bronchiale sono caratterizzati da respiro affannoso o difficoltà respiratorie. Quando un attacco non migliora o peggiora, il paziente dovrebbe ricevere cure d’urgenza.

Se un attacco d’asma non viene curato, può portare a grave affaticamento muscolare toracico e, in casi estremi, alla morte. Alcune persone con asma persistente esitano ad andare al pronto soccorso perché ci sono già andate tante volte o perché hanno bisogno di qualcuno per guidare l’auto a causa della difficoltà a respirare. Così, invece di cercare la cura idonea, cercano di resistere anche se hanno bisogno di dosi più elevate di inalanti o se le misurazioni della funzionalità polmonare peggiorano quando si utilizza un dispositivo per misurare l’efficienza del movimento dell’aria fuori dai polmoni.

Poiché l’asma rende difficile il respiro, i muscoli per la respirazione possono stancarsi e il volume d’aria scambiato dai polmoni si riduce. Come risultato, il livello di ossigeno nel sangue diminuisce, mentre quello di anidride carbonica aumenta. Un accumulo di anidride carbonica nel sangue ha un effetto sedativo sul cervello. Si può perdere la motivazione e l’energia per respirare.

Le persone con asma, dopo aver lottato molte ore, possono sembrare più rilassate. In realtà potrebbero essere in una condizione peggiore. I pazienti che pensano di stare meglio quando in realtà stanno peggiorando sono in una condizione di grande pericolo. Alla fine, potrebbero addirittura smettere di respirare. Diventano sedati e sembrano tranquilli quando in realtà stanno morendo.

Quindi una delle più importanti considerazioni da fare è valutare la durata della crisi asmatica. Se la difficoltà respiratoria dovuta a asma bronchiale dura da diverse ore, non deve essere sottovalutata anche se sembra in miglioramento. Si deve chiamare il 118 e andare in Pronto Soccorso.

5. Depressione e pensieri di suicidio.

Poche persone possono sopportare un dolore toracico o una difficoltà respiratoria, ma molti sopportano la depressione anche se può essere pericolosa per la vita.

La depressione può essere un problema molto serio perché si può arrivare al suicidio. Molte persone non cercano una cura quando sono depresse perché pensano che la loro condizione sarà percepita come pazzia, debolezza o mancanza di virilità. Devono invece capire che esiste uno squilibrio chimico nel loro sistema nervoso e che si tratta di un malattia come qualsiasi altra.

Sintomi della depressione sono tristezza, stanchezza, apatia, ansia, cambiamenti nelle abitudini del sonno e modifiche dell’appetito. La depressione può essere curata con farmaci e psicoterapia.

Se si sente il bisogno di parlare con qualcuno o si hanno pensieri di suicidio, è possibile parlare con qualcuno subito, a qualsiasi ora, chiamando i numeri di telefono nazionali 199 284 284 oppure 02 99777.

6. Sangue nelle urine senza dolore di accompagnamento.

Ogni volta che si vede sangue nelle urine (ematuria), occorre chiamare subito il medico anche se non cè dolore.

I calcoli renali e le infezioni della vescica o della prostata sono cause comuni di sangue nelle urine. Questi problemi sono in genere dolorosi o creano disagio, il che induce le persone a rivolgersi subito al medico. Al contrario, quando si vede il sangue nelle urine ma non si sente dolore, soprattutto se accade una volta sola, molte persone decidono di aspettare. Questo comportamento, purtroppo, è sbagliato: la mancanza di dolore non significa necessariamente mancanza di importanza.

Il cancro del rene, dell’uretere, della vescica o della prostata possono causare sanguinamento nel tratto urinario quando questi tumori sono abbastanza piccoli da non causare dolore e da poter essere curabili. Questo segno non deve essere sottovalutato perché può essere l’unico indizio per una diagnosi precoce.

Se qualcosa non va, fatti sentire!

I pazienti in grado di riconoscere sintomi potenzialmente gravi possono aiutare i medici ad affrontare più efficacemente i loro problemi. Anche se non sembra accettabile, i medici sono esseri umani: possono sbagliare diagnosi importanti, compresi gli attacchi di cuore. La consapevolezza e l’attenzione del paziente può fare la differenza.

Come medico preferisco avere un paziente informato, in grado di aiutarmi affinché io non faccia errori, piuttosto che un paziente intimorito dal camice bianco o dai paroloni.

di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


663 commenti per I sintomi di malattie gravi che dovresti conoscere

  • Buongiorno marco79. Per forme di mal di testa come la Sua ci si può rivolgere ad un centro cefalee del servizio sanitario nazionale. Le terapie evolvono e i risultati possono essere buoni.
    Le riduzioni della sensibilità e i formicolii hanno generalmente una base osteomuscolare: spondilolistesi, artrosi cervicale, una leggera compressione del nervo ulnare al gomito sono possibili cause da confermare insieme al medico. In questi casi è spesso sufficiente un programma di attività motoria adeguata o di fisioterapia.

  • Rossella

    Salve dottore mi è capitato più volte di avere dolore al petto al centro 5 cm sopra i seni. Oggi invece mi è capitata una pesantezza al petto soprattutto quando inspiravo. E’ durato 20-30 minuti. Me lo ha rifatto anche adesso verso le 16. Ho riscontrato anche un po di nausea e mal di pancia e senso di paura. Ho qualcosa al cuore? In più quando mi piego a prendere qualcosa a terra o mi alzo dalla sedia ho la sensazione di svenire e alcune volte una debolezza di stomaco e sensazione di svenimento. Comunque nella mia città fa ancora caldo, ci sono alla sera ancora 20 gradi e di giorno arrivano anche a 32-35 gradi

  • carmine

    b sera dottore le chiedo un parere. mia moglie sono 5 mesi che non sta bene mal di testa forti vomito tremori di freddo con febbre anche a 39 una tachipirina 4 ore e passa.nelle analisi risulta sempre sangue nelle urine ma tutto il resto va bene .abbiamo fatto anche uro tac e scintigrafia renale tutto bene.i problemi continuano.adesso ci hanno consigliato un ricovere per malattie infettive.mi sa dare un consiglio . grazie attendo risposta. dimenticavo mia moglie ha 51 anni.

  • Elda

    Salve ho 51 anni e dovrei essere in premenopausa e qualche volta mi accade di non respirare e di non avere fiato per parlare (afonia) palpitazioni e visione bianca a puntini come se dovessi svenire, sensazione di peso allo stomaco. Ho il forame pervio al cuore di pochi centimetri, gliomi al cervello, soffro di broncospasmi e affanno e tracheiti che possono sfociare in bronchiti, colon irritabile, gastrite cronica, tiroidite di Hashimoto utero fibromiomatoso e fascite plantare sinistra. Cosa avrei e che nessun medico ha compreso? Grazie

  • Elda

    Ah ho tralasciato di dire che mi fu anche diagnosticata fibromialgia e sinusite avendo i turbati ostruiti al naso, 4 ernie cervicali che provocano forti mal di testa e sensibilità al freddo. Grazie. Elda

  • Elda

    Salve dottore, mi dispiace che Lei sia stato lapidario nella risposta perché non mi ha creduta! purtroppo certi “malanni” sono accertati dagli specialisti. Non li ho inventati elencandoli. Sono figlia di un Dirigente medico ex Ufficiale Sanitario ed ho frequentato un Corso di Medicina. Sono molto intuitiva e l’intuizione accompagnata dall’umiltà sono doti che deve avere un bravo medico. Mio padre purtroppo deceduto 16 anni fa lo diceva sempre che un bravo medico si distingue da un altro proprio dall’umiltà e non dalla presunzione, boria ed arroganza e alterigia! C’è ancora molto da imparare e da camminare!
    Pregiudizi e Giudizi senza verifiche e prove senza conoscenza non fanno maturare né andare mai avanti!

  • Elda

    Egregio dottore spero abbia letto la mia precedente e-mail. Secondo il codice deontologico la Sua risposta sarebbe stata corretta se avesse detto che Le dispiaceva di non essermi d’aiuto e che avrei dovuto interpellare il medico di base o curante. Sarebbe stato più onesto, semplice e rispettoso da parte sua. Distinti saluti.

    • Gentile Elda, prenda ad esempio la lombalgia cronica con il dolore che non dà tregua. Ebbene, laddove non appaiono utili gli analgesici e altre forme terapeutiche, le attuali linee guida scientifiche contemplano l’eventuale impiego di farmaci di competenza dello psichiatra. Quindi, pur in presenza di una riconosciuta patologia organica, in talune condizioni questo tipo di approccio è in grado di modificare l’impatto dei sintomi e migliorare la qualità di vita.
      Ci rifletta.

  • carmine

    buonasera dottore giorni fa ne abbiamo discusso se ricorda. stasera mia moglie di nuovo brividi vomito asma e febbre a 39,5 siamo corsi in ospedale. dal prelievo risulta wbc 15 neu 89,1 lin 8,4 mon 2,2 eos 0,2 neu 13,3 eos 0,03. poi con la solita tachipirina in 2 ore la febbre e andata via.mi da un consiglio grazie

    • Buonasera Carmine. In Pronto Soccorso sono state eseguite anche altre indagini? L’esame che Lei ha trascritto qui è una formula leucocitaria. Si fa comunemente con un normale emocromo (l’esame che conta i globuli rossi, quelli bianchi, le piastrine, ecc.). Indica un aumento di globuli bianchi con maggioranza di neutrofili. Si tratta di un esame generico: fa supporre un’infezione ma non può dirci la causa. Il medico che segue Sua moglie può decidere se avviare una terapia antibiotica a largo spettro o se attendere l’effettuazione di una emocoltura. Ne parli domani con il medico di famiglia.

  • TINA

    Salve Dottore,
    volevo dirle ke negli ultimi giorni ho forti mal di testa con dolore continuo al centro e pulsazioni alle tempie con vomito e sensazione di non avere più le forze,mal di schiena sapendo ke la mia schiena nn fa la curva a “S”,il dolore non passa mai. Ho assunto la tachipirina e dopo passato l’effetto tutto tornava come prima.Sono sintomi ke hanno qualcosa in comune?

  • TINA

    dimenticavo ho avuto anke il ciclo ed è durato solo 2 giorni,cosa ke nn è mai capitato prima. Cosa può essere?
    Grazie e nell’attesa porgo distinti saluti

    • Salve Tina. Sintomi del genere in certi casi possono essere correlati e riconducibili, solo per fare un esempio, a forme parainfluenzali. Controlli se ha febbre e stia un po’ a riposo. Se la nausea è passata e non ha dolori di pancia inizi progressivamente a bere acqua per idratarsi di più. Domani ne parli al medico di famiglia se non si sente meglio.

  • Laura Pia

    Buongiorno dottore, le ho scritto anche su facebook. Cosa potrebbe avere e che esami dovrebbe fare una giovane donna che presenta ogni tanto svenimento e vomito all’arrivo del ciclo mestruale o in situazioni come luoghi chiusi e affollati? La persona in questione è microcitemica e da bambina era intollerante non grave ad alcuni cibi e se potesse essere utile, aveva il comune soffio al cuore. Grazie!

    • Buonasera Laura Pia. Ho anche letto il Suo messaggio su Facebook.
      Un problema a carico dell’apparato digerente talvolta provoca anemia e, alla lunga, c’è la possibilità di svenimenti. Mi chiedo, però, quale possa mai essere la necessità di evitare il glutine per un giorno al mese… In generale direi che questa condizione non è tra le più diffuse.
      Le cause di una sincope sono tantissime. Alcune sono legate al proprio comportamento (idratazione, alimentazione, abitudini quotidiane), altre originano da condizioni più impegnative ma generalmente ben controllabili, altre ancora sono in relazione alla propria sfera emotiva.
      Direi che è indispensabile parlare serenamente con la giovane ma in forma chiara. Rivolgersi al medico di famiglia è il primo passo per coordinare tutto, dalle analisi (sono ahimè necessarie) a qualche eventuale visita specialistica.
      Cerchi anche di capire quali sono i bisogni di riservatezza della giovane. Le proponga di accompagnarla, per esempio, ma di rimanere in sala d’attesa.
      Grazie per aver pensato a me ma i medici bravi sono tanti. Troverà sicuramente una soluzione senza dover andare lontano.

  • grancihio

    salve dottore. so che questa domanda non la fa nessuno ma, tutto bene? ahahah dopo questa breve parentesi le espongo il mio “problema”. faccio una breve premessa: un anno fa ho fatto l’ultima visita cardiologica completa, tutto ok nessun problema :) qualche mese fa ho fatto una visita dal medico di base per routine, tutto ok anche li. ora sono all’università e sono un fuori sede. ho 24 anni sono un ragazzo normopeso senza problemi e faccio attività fisica regolare (una/due partite di calcetto con gli amici a settimana). oggi però mi è successa una cosa strana. sento come una specie di “vibrazione” (non so come descriverla) dentro il petto a destra/centro in basso. non so bene come descriverla, mi viene a tratti per pochi secondi, ed è andata avanti per tutto il giorno. cosa mi consiglia di fare? domani ho la partita, mi consiglia di non giocare, rivolgermi a qualcuno non so mi dica lei. sono un po in ansia perchè ho letto in giro che potrebbe essere il cuore, ma fino ad ora non ho mai sofferto di nulla. grazie per il tempo che ci dedica cordiali saluti.

    • :-) È vero! A parte mia moglie, me lo chiedono solo quando mi capita di fare il paziente (succede anche ai medici). Qui è la prima volta… grazie mille per il pensiero, va molto bene.
      Farei un elettrocardiogramma e una visita cardiologica di nuovo, dormirei di più e prenderei meno caffè. Certe sensazioni, descritte a volte come una “farfalla” nel petto, possono derivare da brevi e comuni aritmie ma è opportuno capire bene. Niente sesso, droga e rock ‘n’ roll… e niente partita.
      Non la prendere male, succede ed è meglio capire piuttosto che passarci sopra.

      • grancihio

        grazie dottore per la risposta cosi veloce:) comunque essendo fuori sede non saprei proprio dove fare la visita cardiologica. quella che ho fatto l’anno scorso la feci per caso, giusto scrupolo mio. il fatto è che penso di tornare a casa a natale e quindi fino a quel momento non riuscirei a far nulla. pensa che sia urgente una visita ora e quindi di tornare a casa o posso aspettare? comunque ora per scrupolo ho cambiato la maglietta e sembra che il problema sia scomparso. che non sia stata la maglietta?!?! grazie cordiali saluti :)

  • crescenzo

    Salve sono tre giorni con febbre alta e tosse il dottore mi ha diagnostico faringite ho iniziato la cura con antibiotici topo tre giorni la febbre va molto meglio e ri guardo la tosse sto espettorando ma un paio di volte mi è capitato di sudare ed avere la nausea. Mi devo preoccupare? Ci tengo a precisare che sto mangiando pochis simo. Grazie

  • rosi

    Gentilissimo Dottore, sono molto preoccupata per cio che mi sta accadendo, da circa due settimane ho forti vertigini non accompagnate da nulla, sento una vibrazione interna nella testa che mi da questo senso di sbandamento ma non perdita di equilibrio, ho effettuate degli esami acustici e il test delle vertigini ma non e’ risultato nulla, puo aiutarmi a capire cosa ho e che esami effettuare? puo essere qualcosa di grave?

  • Buongiorno Rosi. Le possibili cause, peraltro comuni e spesso individuabili in breve tempo, sono tante: un’anemia, un’alterazione degli zuccheri nel sangue, alterazioni della pressione arteriosa, ecc. Ne ha parlato con il medico di famiglia? Possono aiutare alcune analisi del sangue e il controllo frequente della pressione per alcuni giorni stando a riposo.

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>