Le intossicazioni in Italia

Uno spaccato della realtà italiana in un documento pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità.

Nel 2005, il Centro Antiveleni (CAV) di Milano ha esaminato 25.307 casi di esposizione umana ad agenti non farmaceutici provenienti dalle diverse regioni italiane. Per il 60% delle esposizioni il CAV è stato contattato da un servizio ospedaliero e per il 33% da privati cittadini. Nelle 24 ore sono stati osservati due picchi di richieste di consulenza: uno intorno alle ore 12 e l’altro intorno alle ore 21. I pazienti con età <6 anni hanno costituito il 47% delle osservazioni.

Il genere maschile è stato riportato per il 52% dei casi e il femminile per il 44%. Circa l’87% dei casi è risultato esposto in ambiente domestico e il 5% sul luogo di lavoro. L’esposizione è risultata di tipo accidentale per l’89% ed ha compreso: accesso incontrollato (50%), travaso da confezione originale (8%), intossicazione alimentare (6%). L’esposizione intenzionale è stata riportata per l’8% ed è risultata principalmente dovuta a tentato suicidio (6%). Almeno un effetto clinico associabile all’esposizione è stato rilevato nel 49% dei casi, mentre per circa il 66% è stato prescritto almeno un intervento terapeutico. Le categorie di agenti più frequentemente riportate sono state: sostanze per la pulizia della casa (31%), antiparassitari (9%), cosmetici/prodotti per la cura della persona (9%) e corpi estranei (9%). Le osservazioni effettuate rendono disponibile una prima caratterizzazione dei casi di esposizione umana ad agenti chimici (non farmaci) esaminati dai CAV in Italia ed evidenzia le potenzialità di un sistema di sorveglianza delle esposizioni pericolose basato su questo tipo di servizio.

Bibliografia: Davanzo F, Settimi L, Urbani E, Giordano F. Esposizioni ad agenti chimici di tipo non farmaceutico esaminate dal Centro Antiveleni di Milano nel 2005. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2009. (Rapporti ISTISAN 09/26). Scarica il documento.

Fonte: Istituto Superiore di Sanità

Pagine correlate: Avvelenamenti per ingestione

Foto: gonzales2010

di Criel

Medico, redattore di Eumed.org.


Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>