I dieci punti chiave del primo soccorso in Europa

Le statistiche sul pronto soccorso in Europa mettono in evidenza un diverso approccio al primo soccorso tra i singoli paesi. I Paesi nordeuropei hanno in genere una più alta percentuale di popolazione con nozioni di pronto soccorso: 95 per cento in Norvegia; 80 per cento in Germania; 80 per cento in Austria; 75 per cento in Islanda. Nel resto del continente, tuttavia, la situazione è più preoccupante. Solo il 5-10% della popolazione di molti Paesi ha nozioni di pronto soccorso.

L’Europa di oggi deve affrontare sfide sempre più grandi:

  • invecchiamento della popolazione;
  • incidenti stradali;
  • malattie cardio-vascolari;
  • inquinanti per l’ambiente;
  • alcolismo e droga tra i giovani;
  • incidenti domestici;
  • incidenti sul lavoro.

Sensibilizzare sul primo soccorso e diffondere la formazione in tutta Europa sarà certamente utile per ridurre il rischio e gli effetti degli infortuni e delle malattie. Diminuirà anche l’eccessiva dipendenza delle popolazioni dai servizi di emergenza.

Investire nella formazione sul pronto soccorso non solo salva la vita, ma è anche conveniente. Il primo soccorso riduce la gravità degli infortuni e, allo stesso tempo, gli alti costi delle cure mediche.

Il primo soccorso è anche un importante strumento di prevenzione. Aumenta la consapevolezza dei pericoli che causano gli incidenti in casa, sul posto di lavoro e nelle strade. Rende le comunità più consapevoli dei pericoli che si trovano ad affrontare, in particolare in aree a rischio di calamità.

I governi dovranno fare la loro parte con un approccio maggiormente dinamico e incisivo, promuovendo l’idea di istruzione obbligatoria di primo soccorso per esempio nelle scuole o nei corsi per le patenti di guida.

Lo scorso 12 settembre, in occasione della Giornata Mondiale del Primo Soccorso, la Federazione Internazionale della Croce Rossa (IFRC)  e il Centro europeo di riferimento per l’educazione al primo soccorso (CEREPS) hanno diffuso una pubblicazione che illustra la situazione europea e i 10 obiettivi da perseguire.

First aid for a safer future: focus on Europe

 

di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>