Le punture di tracina

Tracina vipera

Estate, tempo di vacanze e le nostre spiagge si affollano. In qualche sfortunato caso, a pescatori e non solo, capita un incontro ravvicinato con l’aculeo della tracina. In questa pagina troverete alcuni consigli su come comportarsi.

Il veleno della tracina provoca dolore intenso. In alcuni casi, soprattutto quando c’è anche forte ansia o in casi estremi (affaticamento, disidratazione), si possono avere nausea, vomito, tremori e svenimento.

Per cominciare, se possibile, di deve far uscire al più presto il veleno iniettato spremendo la zona della puntura. Si deve sempre controllare l’assenza di frammenti di aculei sotto la pelle, disinfettare e premere sulla puntura per fermare la eventuale fuoriuscita di sangue. Ricordatevi di stare a riposo e all’ombra e, se non c’è nausea, di bere acqua non gasata e non fredda a piccoli sorsi (2 litri in 24 ore, specie in estate, è il minimo da fare).

Il veleno non è mortale: la tossina è termolabile, ovvero a 60-70°C diventa inattiva, e secondo alcuni autori può essere utile immergere la parte colpita, in genere la mano o il piede, per almeno un’ora nell’acqua molto calda. In realtà il calore potrebbe aumentare la sensazione dolorosa e consentire alla tossina ancora attiva di penetrare nei tessuti più in profondità.

Il dolore generalmente raggiunge il culmine in 45 minuti e poi diventa meno intenso, ma in alcuni casi è molto forte anche per 24 ore e si accompagna a formicolii e a disturbi della sensibilità della cute vicina alla zona colpita. Un farmaco antidolorifico e una pomata antistaminica possono essere utili.

Il ruolo del medico è quello di controllare lo stato generale e locale, specialmente nei bambini e negli anziani, di prescrivere antidolorifici nel caso se ne preveda la necessità (per la notte, per esempio) e di consigliare sulla profilassi antitetanica (il rischio del tetano è presente per ogni tipo di puntura).

Informazioni generali

Bibliografia

  • Halpern P, Sorkine P, Raskin Y. Envenomation by Trachinus draco in the eastern Mediterranean. Eur J Emerg Med Sep 2002; 9(3) :274-7
  • Dekker CJ. [Chronic pain and impairment of function after a sting by the great weaver fish (Trachinus draco)]. Ned Tijdschr Geneeskd May 2001; 145(18) :881-4


Aggiornato il 13/09/2015

di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


146 commenti per Le punture di tracina

  • Giovanni

    Io sono andato da diversi specialisti e tutti mi hanno dello di fare kinesiterapia e tecar… so solo che fin ora ho speso soldi senza avere grandi risultati..

    • Capisco Giovanni. Non tutte le fisioterapie sono uguali e non tutte si pagano. I progressi possono essere letteralmente misurati se condotti da un buon terapista. Ma prima senta il medico perché è essenziale un suo parere sull’attuale capacità di recupero.

  • Carmine

    Ciao Giovanni anch’io ho il tuo stesso problema.. Io sono stato punto alla mano sinistra il 22 maggio mentre slamavo una tracina..volevo sapere se avevi risolto il problema e come…grazie..

  • Giovanni

    Ciao, purtroppo resta L incapacità di chiudere la mano

  • Eva

    Salve, io sono stata punta in un dito del piede mentre facevo il bagno al mare, il bagnino mi ha prontamente immerso il piede in acqua bollente e ammoniaca, ma ora a distanza di una settimana ho un forte prurito nella zona interessata. L’antitetanica l’ho fatta l’anno scorso, non credo sia necessario rifarla. Cosa mi consiglia?

    • Buonasera Eva. Il prurito persistente può indicare un’infiammazione da trattare con farmaci. Una terapia appropriata (niente fai-da-te!) riduce il rischio di fastidi cronici. Si rivolga con fiducia al medico.

Lascia un commento a Carmine Cancel reply

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>