Allergia alimentare

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore - documento di indirizzo e stato dell’arte

Allergie alimentari

L’allergia alimentare è una reazione immunologica avversa al cibo. La malattia, che si presenta in diverse forme, incide molto sulla qualità di vita dei soggetti che ne sono affetti e dei loro familiari. Coinvolge fino al 5% dei bambini di età inferiore a 3 anni e circa il 4% della popolazione adulta, ma in alcune aree geografiche la prevalenza sale al 10%. L’interessamento di una fascia così ampia della popolazione si riflette sui costi sanitari dovuti alle attività di routine, agli interventi d’urgenza e ai ricoveri.

La costante attenzione ad evitare l’alimento in causa, in particolare quello nascosto o non segnalato, ed il vivere con incertezza e ansietà crescenti, sono problematiche che turbano particolarmente i bambini, gli adolescenti e relative famiglie. Di fronte a questo problema spesso le famiglie si trovano isolate ed impotenti.

L’insicurezza ha anche favorito la circolazione di teorie su di un collegamento tra allergia alimentare e patologie come il colon irritabile, l’orticaria cronica e l’obesità. Nonostante le evidenze scientifiche siano scarse o nulle, si è ampiamente diffuso un mercato di consulenze e terapie inutili, se non dannose, che aumentano il disagio dei malati.

Per tutelare la sicurezza nutrizionale del consumatore allergico è oggi disponibile il documento “Allergie alimentari e sicurezza del consumatore – documento di indirizzo e stato dell’arte”. La sua redazione è stata coordinata dal Ministero della Salute, è liberamente disponibile in PDF e si rivolge ai consumatori, agli addetti all’assistenza sanitaria, ai medici, alle ditte produttrici di alimenti e pasti e ai ristoratori. Questi i temi presentati:

  • Quadri clinici IgE mediati: shock anafilattico, orticaria-angioedema, manifestazioni allergiche (orticaria e anafilassi) associate all’esercizio fisico dopo consumo di un alimento (Food-associated exercise-induced anaphylaxis), disturbi respiratori (asma e rinite), sindrome orale allergica, disturbi gastroenterici.
  • Quadri clinici misti IgE e cellulo-mediati: dermatite atopica, gastroenteropatie eosinofile.
  • Quadri clinici cellulo mediati: enterocolite allergica da proteine alimentari, proctite da proteine alimentari.
  • Dati epidemiologici.
  • Allergeni alimentari rilevanti: latte, uova, arachidi, pesci, frutta secca, soia nei bambini e, negli adulti, arachidi, noci, pesci, crostacei, verdura e frutta.
  • Diagnostica delle allergie alimentari.
  • Terapia e costi sociali.
  • Prevenzione delle allergie alimentari: allergeni occulti e norme di etichettatura.
  • Metodologie diagnostiche: metodi immunochimici, metodi di biologia molecolare, metodi cromatografici, spettrometria di massa.
  • Criteri di validazione ed accettabilità delle metodiche analitiche.
di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


1 commento per Allergia alimentare

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>