Al San Carlo di Milano parte un nuovo studio sul tentato suicidio

Circa un milione di persone all’anno in tutto il mondo muore per suicidio. Circa il 90% dei suicidi sono associati a una malattia mentale e il 60% alla depressione. Sappiamo anche che sono più frequenti in ambienti degradati dalla violenza, dove è forte il consumo di alcol o droghe, dove sono meno sviluppati i servizi psichiatrici territoriali oppure tra quelle categorie professionali dove può essere più facile reperire sostanze pericolose (medici, infermieri, dentisti, contadini).

I casi di suicidio nel mondo ogni 100.000 abitanti

I casi di suicidio nel mondo ogni 100.000 abitanti

All’ospedale San Carlo Borromeo di Milano si guarda con attenzione a quanto è stato fatto in questi anni per i tentativi di suicidio. Il pronto soccorso, infatti, sta registrando un aumento dei casi. Se confermato, alla fine del 2009 si potrà parlare di 1 caso ogni 37 ore (quasi il doppio rispetto agli anni precedenti). Molte le donne: sotto i 25 anni sono l’80%. In forte aumento i casi tra i milanesi giovani adulti e di mezza età.

L’iniziativa del Dipartimento di emergenza e accettazione del San Carlo, con oltre 80.000 accessi al pronto soccorso all’anno, è quella di un progetto per la prevenzione. Dal 1 giugno i medici che si troveranno a gestire un caso di tentato suicidio compileranno una scheda standardizzata in cui verranno raccolti i dati clinici. Le prime risposte, per conoscere qualcosa in più del fenomeno, fra 6 mesi.

Fonti:

di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>