Guardia Medica, qual è il numero da chiamare?

In Europa esistono già i nuovi numeri telefonici unici e gratuiti: 111 in Inghilterra, 116 117 in Germania. In Italia, invece, i numeri sono centinaia.

La borsa del medico

Un consiglio, la prescrizione di un farmaco, una visita medica: nel fine settimana o in un giorno festivo, quando lo studio del medico di famiglia è chiuso, non sempre si ottiene facilmente ciò di cui si ha bisogno.

In Inghilterra esiste da poco il nuovo numero unico 111, ma non è ancora a pieno regime. Si tratta di un servizio telefonico gratuito per i pazienti con sintomi di urgenza che non sono in pericolo di vita (in questi casi c’è il 999, l’equivalente del nostro 118). Operatori qualificati offrono consulenza sanitaria di base e indirizzano il richiedente verso il servizio più adeguato, come ad esempio il Pronto Soccorso o un ambulatorio di cure primarie. Le finalità di questa forma di assistenza sono il miglioramento dell’appropriatezza organizzativa dei servizi e la riduzione del sovraffollamento dei Pronto Soccorso.

In queste settimane, però, molti sudditi di Sua Maestà riferiscono lunghe attese al telefono oppure informazioni di qualità o utilità discutibile. Entro la fine dello scorso mese di marzo il nuovo servizio avrebbe dovuto mandare in pensione il vecchio sistema NHS Direct ma problemi organizzativi e tecnici ne stanno compromettendo pesantemente l’avvio. Dei 46 servizi di cui è composto l’111, sette non sono stati avviati e alcuni, come a Manchester, sono stati fermati dopo l’avvio precario. Non mancano gli aggravi di spesa: per mantenere attivo il NHS Direct almeno fino a giugno è stato stanziato un fondo straordinario di 8,4 milioni di sterline.

Per l’Europa esiste il progetto del numero unico 116 117: indirizzerà i chiamanti ad un servizio di assistenza medica in situazioni critiche ma non di emergenza (la nostra Guardia Medica, o Continuità assistenziale), in particolare al di fuori delle ore di lavoro dei medici di medicina generale. Secondo la ex commissaria UE alle telecomunicazioni, Viviane Reding, «Le persone sono più vulnerabili quando sono lontane da casa e dei numeri validi in tutta Europa possono veramente fare la differenza in caso di problemi». In Germania, dove il numero è già attivo su quasi tutto il territorio nazionale (a Berlino, come in Baviera, funziona tutti i giorni e a tutte le ore), il servizio è stato generalmente accolto bene dai cittadini.

E in Italia?

Il nostro Paese è prima di tutto in grave ritardo per l’attivazione del numero unico europeo 112 per le emergenze. Si tratta di un sistema integrato in grado di identificare con precisione la località di origine di tutte le chiamate di soccorso (Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, soccorso sanitario) e di rispondere in più lingue in ogni circostanza. Dopo la condanna della Corte di giustizia europea per inadempienza, questo servizio in Italia è da anni in sperimentazione in alcune provincie. Il numero da chiamare in caso di emergenze sanitarie continua quindi ad essere il 118.

Vista la nostra lentezza nell’adeguamento al sistema europeo per il 112, non aspettatevi di poter disporre del 116 117 tra breve! Nel frattempo in Italia chi ha necessità di un medico nelle ore notturne o durante i festivi e i prefestivi talvolta non sa cosa fare. Andare in Pronto Soccorso appare spesso come l’unica cosa possibile ma nella maggior parte dei casi è anche la scelta più costosa e meno pratica. Nei casi urgenti, invece, il servizio gratuito di Guardia Medica può aiutare a risolvere situazioni apparentemente complesse anche con un semplice consiglio.

In tutta Italia i numeri telefonici per accedere al servizio sono centinaia e sono diversi da zona a zona. Talvolta è un numero verde, più spesso è un normale numero di rete fissa. Non esiste un elenco generale aggiornato. Informatevi sul numero di telefono corretto per la zona in cui abitate chiedendo al vostro medico in un momento di tranquillità, quando non vi serve. Conservate il numero e memorizzatelo nella rubrica dei vostri telefoni.

In una città che non conoscete chiedete in albergo, alla farmacia di turno più vicina o consultate uno dei quotidiani locali. Se siete in vacanza non dimenticate che durante i mesi estivi in molte località durante il giorno sono attivi i servizi di Guardia Medica turistica.

Foto: greyloch (CC BY-SA 2.0)

di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


2 commenti per Guardia Medica, qual è il numero da chiamare?

  • TotalPolicing

    Solo una correzione: il 999 equivale al 911 (o al 112), in quanto numero unico di emergenza in UK, comunque sarebbe ora di istituire un numero di “non emergenza” medica e magari anche di polizia (come il 101 inglese)…chissà magari dopo il NUE 112 gli attuali numeri copriranno un ruolo di non emergenza? Vedremo

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>