- Eumed.org | Pronto Soccorso - http://prontosoccorso.eumed.org -

Influenza, attenti alle ricadute

di Massimo Pacifici, 1 febbraio 2013 @ 11:36 In Area pubblica | Nessun commento

InfluenzaFebbre, tosse, mal di gola, ossa rotte. Quasi 480.000 [1] italiani a letto nella quarta settimana del 2013, e la tendenza è in continuo aumento, ma stare a casa è diventato un lusso. Molti tornano al lavoro prima della fine della convalescenza, mentre i precari si trovano nella condizione di non poter fare assenze.

In questo modo, però, la malattia si diffonde meglio a danno dei soggetti più deboli (bambini e anziani) e aumenta il rischio di ricadute e complicanze gravi tra gli adulti sani, con costi economici che tendono inesorabilmente a salire per imprese e cittadini. Non fermarsi per il tempo dovuto a causa dell’influenza può quindi costare caro alle tasche e alla salute.

Se non vi siete ammalati

Evitate, per quanto possibile, i luoghi affollati. L’influenza e le sindromi parainfluenzali si trasmettono facilmente per via aerea anche da lontano.

Copritevi adeguatamente. Quando fa freddo una sciarpa su naso e bocca permette di inspirare aria più calda e di avere un sistema respiratorio più reattivo ad espellere le impurità.

Uscite. Non rimanete sempre a casa. Un po’ di movimento fisico anche con il tempo brutto è essenziale per rimanere in buona salute.

Cambiatevi. Non indossate in casa i vestiti portati a scuola o al lavoro.

Evitate troppi stress. Tensioni fisiche o psicologiche possono interferire con il buon funzionamento del sistema immunitario. Prendetevi una pausa, magari con una tazza di tè caldo.

Lavatevi le mani. Usate acqua, possibilmente calda, e sapone per 20 secondi al rientro a casa, prima di mangiare e prima di andare a letto. Ricordatevi anche del viso. I disinfettanti non servono.

Bevete. Non fate mancare l’acqua al vostro organismo, anche se non avete sete. Le bevande calde possono aiutare ad espellere le impurità dal sistema respiratorio.

Mangiate meglio. Evitate diete ferree o abbuffate pazzesche. Scegliete prodotti freschi: il consumo di normali quantità di frutta e verdura rende inutile l’acquisto di vitamine e integratori alimentari.

Proteggete gli altri. Copritevi sempre la bocca e il naso se tossite o starnutite. Usate fazzoletti di carta e buttateli subito in un normale contenitore per i rifiuti.

Proteggete voi stessi. È gia febbraio e ora è tardi, ma ricordate: anche gli studiosi meno favorevoli [2] ammettono che il vaccino fornisce protezione nel 75% per cento di casi contro i virus influenzali di cui contengono gli antigeni. Decenni di dati scientifici ne indicano la sicurezza [3]. Sembra, invece, che non valga la pena spendere i propri soldi per l’omeopatia [4], visto che non dimostra di essere più efficace rispetto al placebo.

Se vi siete già ammalati

Fermatevi subito. Trascinarsi per vedere come va significa esporsi a una malattia più lunga e al rischio di complicanze rischiose per la vita stessa.

Bevete molto. La febbre produce disidratazione. L’equilibro idrico è importante per i processi metabolici e per allontanare il catarro.

No alcol. Bevande alcoliche e farmaci non vanno mai d’accordo!

Mangiate il giusto. Con un’alimentazione normale, varia ed equilibrata si ottengono i minerali e le vitamine necessarie. Gli integratori non servono. Se avete appetito, sappiate che non ci sono restrizioni particolari.

Dormite di più. Lasciate perdere la sveglia e provate a dormire anche dopo pranzo.

Non uscite. Il vostro cane troverà qualcun altro per le consuete passeggiate. Avete la TV e internet, a che vi serve arrivare fino all’edicola? Se avete necessità di farmaci e siete soli, chiedete informazioni al vostro comune: esistono servizi gratuiti per la consegna a domicilio.

Farmaci, solo quelli giusti. Usate il paracetamolo per la febbre e i dolori. Niente antibiotici o altri farmaci senza il consiglio del medico perché possono causare complicanze.

Pensate a voi stessi. L’influenza, nonostante tutto, può essere un buon momento per leggere, riflettere e rilassarsi dai ritmi di tutti i giorni.

Rimanete a casa il tempo necessario. Iniziate di nuovo le normali attività, come la scuola o il lavoro, dopo almeno 1 o 2 giorni senza febbre. Fate tutto per gradi, con buon senso, e lasciate stare lo scooter per un po’!

Per il prossimo anno

L’influenza non è un forte raffreddore e gli scongiuri non servono. Per ridurre il rischio di disagi e complicanze, che ne dite per il prossimo anno di fare il vaccino?

Foto: miss_rogue [5] (CC BY-SA 2.0 [6])

di Massimo Pacifici
Author Info [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14]

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.



Articolo stampato da Eumed.org | Pronto Soccorso: http://prontosoccorso.eumed.org

URL articolo: http://prontosoccorso.eumed.org/area-pubblica/10053/influenza-attenti-alle-ricadute/

URLs in questo articolo:

[1] 480.000: http://www.epicentro.iss.it/problemi/influenza/FluNews/FluNews_2013-04.pdf

[2] meno favorevoli: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14651858.CD001269.pub4/abstract

[3] sicurezza: http://prontosoccorso.eumed.org/area-pubblica/3026/vaccino-influenza-sperimentazione-guillain-barre-e-altri-spettri/

[4] omeopatia: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14651858.CD001957.pub5/abstract

[5] miss_rogue: http://www.flickr.com/photos/missrogue/543314671/

[6] CC BY-SA 2.0: http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/deed.it

[7] Image: http://prontosoccorso.eumed.org/author/mc7176/

[8] Image: https://plus.google.com/105461173007487984574

[9] Image: http://www.facebook.com/massimo.pacifici.eumed

[10] Image: http://twitter.com/#!/eumed

[11] Image: https://plus.google.com/u/0/105461173007487984574

[12] Image: http://pinterest.com/eumed/

[13] Image: http://instagram.com/eumed

[14] Image: http://eumed.tumblr.com/

© Eumed.it