Linee guida sui maltrattamenti dei bambini

La nocività a breve e a lungo termine dei maltrattamenti sul bambino è un fatto scientifico inconfutabile. Tutti gli aspetti della salute possono essere fortemente influenzati. L’abuso fisico può causare invalidità permanente o cicatrici fisiche e psicologiche con conseguenze dannose, e può anche essere fatale. Gli effetti del maltrattamento possono manifestarsi durante tutta la vita adulta e includono ansia, depressione, abuso di sostanze, con comportamenti auto-distruttivi, oppositivi o antisociali. Vi possono essere difficoltà nel formare o mantenere rapporti affettivi o occupazionali, così come nelle capacità genitoriali.

Una nuova guida del NICE fornisce una sintesi delle caratteristiche cliniche associate al bambino maltrattato. Il suo scopo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e aiutare gli operatori sanitari non specialisti nella protezione dei bambini ad individuare chi – bambino o giovane sotto i 18 anni – sta subendo maltrattamenti. Essa non fornisce agli operatori sanitari consigli su come diagnosticare, confermare o confutare il maltrattamento infantile ma individua gli elementi che devono generare allarme per gli abusi fisici, sessuali ed emotivi, gli abbandoni, le malattie provocate o indotte.

NICE (National Institute for Health and Clinical Excellence)
Guidance on when to suspect child maltreatment
ISBN 978-1-906985-15-8
di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


4 commenti per Linee guida sui maltrattamenti dei bambini

  • Simona

    Care mamme,

    da qualche giorno mi affligge un serio problema… io sono mamma da 2 mesi di uno splendido bambino di nome Diego e zia di un tesoro di 3 anni di nome Riccardo. Il problema in questione riguarda il mio nipotino Riccardo al quale sono molto legata.
    Da qualche giorno si comporta in modo strano, a volte urla e piange senza motivo, dopo varie domande di mia sorella Riccardo sembra aver confidato alla mamma che a scuola una maestra lo picchia in testa e gli tira i capelli, mentre ad un altro bambino da’ gli schiaffi sulle cosce… senza elencare il resto. Purtroppo mia sorella ha avuto la “conferma” di questi atteggiamenti vergognosi dalla mamma di un altro bambino.
    Come si deve comportare? Si può fare una denuncia anonima e richiedere di mettere l’asilo comunale (di Roma)sotto controllo di telecamere?

    cordiali saluti
    Simona

  • mery

    buongiorno dott pacifici vorrei chiederle un consiglio su un problema che mi afligge e nessuno riesce a d aiutarmi mi sono separata con il padre di nostro figlio che ha 6 anni mio figlio mi riferisce che il padre e gli zii l’ho picchiano quando dimora da lui e oltre a picchiarlo gli tira forte i capelli preciso quando viene picchiato si accentua sopratutto sulla testa,di cui sovente si lamenta di aver male l’ho gia’ detto al mio avvocato che mi ha consigliato di metterci una psicologa ma la cosa andrebbe troppo x le lunghe cosa posso fare?abbiamo l’affido congiunto con permanenza da me (la mamma).viene umiliato e far umiliare gli altri.aiutoo grazie e cordiali saluti mery

    • Salve Mery. Affrontare situazioni più difficili del solito non è facile. Le scelte giuste con bambini e anziani richiedono sensibilità, dialogo e una formazione specifica.
      Il figlio di una coppia separata dovrebbe poter vivere in un ambiente neutrale, dove possa non avvertire i contrasti dei genitori e non essere costretto a parteggiare per l’uno o per l’altro.
      Se i sentimenti del Suo ex non sono solo di rivalsa o vendetta, provi a mantenere la calma e a instaurare un dialogo con pazienza. Superare paure ed egoismi reciproci è ciò che aiuta di più a lungo termine.
      In caso di necessità, ovviamente, chieda consiglio al 114.

Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>