Elisoccorso, la Provincia di Bolzano

La normativa per le attività del servizio medico di emergenza con elicotteri (HEMS) e di elisoccorso in montagna (SAR).

Regione Trentino Alto Adige (Provincia autonoma di Bolzano)
Decreto del presidente della provincia 24 ottobre 2013 , n. 30 “Regolamento concernente l’organizzazione del servizio di pronto soccorso con eliambulanze” (G.U. 3° Serie Speciale – Regioni, n. 49 del 07 dicembre 2013).

 
(Pubblicato nel  Bollettino  Ufficiale  della  regione  Trentino-Alto
                Adige n. 44/I-II del 29 ottobre 2013) 

                    IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 

  Vista la deliberazione della  Giunta  provinciale  del  14  ottobre
2013, n. 1518; 

                                Emana 

il seguente regolamento: 

                               Art. 1 

                       Ambito di applicazione 

  1. Il presente regolamento definisce gli aspetti organizzativi  del
servizio di pronto soccorso con  eliambulanze,  istituito  con  legge
provinciale 17 agosto 1987,  n.  21,  e  ne  stabilisce  i  requisiti
tecnico-sanitari.
                               Art. 2 

                             Definizioni 

  1. Ai fini del presente regolamento sono considerati: 
    a)  interventi  primari:  gli   interventi   in   cui   un   team
dell'emergenza  sanitaria,  in  caso  di   necessita'   allargato   a
specialisti  con  materiale  medico  ed  attrezzatura   di   soccorso
necessario, interviene  direttamente  sul  luogo  dell'incidente  per
soccorrere il paziente e/o stabilizzarne le condizioni dal  punto  di
vista medico, e infine per trasportarlo in una struttura  ospedaliera
in grado di curare la lesione piu' grave da lui riportata; 
    b) interventi secondari: i trasferimenti, su indicazione  medica,
di persone malate o ferite da una struttura ospedaliera ad  un'altra,
indipendentemente se l'ospedale si trova in Italia o all'estero; 
    c) voli di ricerca: gli interventi finalizzati  alla  ricerca  di
persone disperse o smarrite, finche' sussiste la speranza di  poterle
soccorrere, richiesti dalle organizzazioni  di  soccorso  tramite  la
centrale operativa d'emergenza; 
    d) evacuazione ed interventi preventivi: gli  interventi  atti  a
sventare pericoli per l'incolumita' personale. 
  2. Le definizioni di attivita' HEMS - Servizio Medico di  Emergenza
con Elicotteri - e SAR - elisoccorso in montagna - sono riportate nei
documenti, regolamenti e circolari dell'EASA (Agenzia europea per  la
sicurezza aerea), dell'ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione  Civile),
nonche' nella normativa vigente nella Provincia autonoma di Bolzano.
                               Art. 3 

                  Compiti e competenza territoriale 

  1. Ai sensi dell'articolo 2 della legge provinciale 17 agosto 1987,
n. 21, e in base alle definizioni date all'articolo  2  del  presente
decreto, il servizio di pronto soccorso mediante eliambulanze  svolge
essenzialmente attivita'  che  si  configurano  come  HEMS  e  SAR  -
eliambulanza ed elisoccorso in montagna. 
  In particolare effettua: 
    a) interventi primari; 
    b) interventi secondari; 
    c) evacuazione ed interventi preventivi; 
    d) voli di ricerca e soccorso; 
    e) trasporto di farmaci, sangue, organi o parti d'organo, nonche'
di apparecchiature mediche; 
    f) voli per il recupero di persone decedute organizzati  d'intesa
con le autorita' competenti; 
    g) trasporto di persone  e  materiali  in  caso  di  calamita'  o
catastrofe; 
    h)  attivita'  addestrativa   ed   esercitazioni   per   l'intero
equipaggio ed in collaborazione con le organizzazioni riconosciute di
protezione civile e di soccorso; 
    i) trasferimenti di assicurati esteri da  un  ospedale  dell'Alto
Adige agli aeroporti di Bolzano, Innsbruck e Verona. 
  2. Gli elicotteri del servizio di pronto soccorso sono  autorizzati
ad effettuare soccorsi e/o esercitazioni presso gli impianti a  fune.
I costi del soccorso vengono addebitati al gestore solamente nel caso
in cui la responsabilita' per i danni alle persone trasportate sia da
imputarsi direttamente al gestore dell'impianto. 
  3.  Gli  interventi  interessano  in  via  ordinaria  la  Provincia
autonoma  di  Bolzano.  Nel  rispetto  delle   convenzioni   di   cui
all'articolo 7, e' possibile la copertura di territori limitrofi,  ad
integrazione delle competenti  strutture;  sono  ammessi  anche  voli
verso altre Regioni e fuori dai confini nazionali.
                               Art. 4 

                       Mezzi ed infrastrutture 

  1. Il servizio viene svolto con elicotteri di stanza presso le  due
basi  HEMS  provinciali  ubicate  rispettivamente  presso  l'ospedale
centrale di Bolzano e l'ospedale di Bressanone. 
  2. Nei periodi indicati nel  comma  6  puo'  essere  utilizzato  un
servizio di elisoccorso ai sensi  dell'articolo  3,  comma  2,  della
Legge provinciale del 17 agosto 1987, n. 21, che dal punto  di  vista
medico e del soccorso deve  soddisfare  i  requisiti  richiesti  agli
elicotteri di cui al comma 1. 
  3. Le basi HEMS a Bolzano e Bressanone, approvate  dall'ENAC,  sono
messe a disposizione dall'Amministrazione  provinciale.  La  gestione
delle basi HEMS, delle elisuperfici/eliporti ad esse asserviti  e  la
prestazione dei servizi,  necessari  per  il  corretto  funzionamento
delle basi ed il buon svolgimento dell'attivita' di volo e' a  carico
di chi svolge attivita' di  pronto  soccorso  mediante  eliambulanze.
Tale attivita' puo' essere svolta direttamente  o  delegata  a  terzi
appositamente specializzati. 
  4. Tutte  le  basi  HEMS  devono  essere  collegate  alla  centrale
operativa d'emergenza via radio e radiotelefono a cura e a  spese  di
coloro ai quali e'  affidato  il  servizio  di  pronto  soccorso  con
eliambulanza. 
  5. L'elicottero al cui e' stato affidato il servizio di elisoccorso
ai sensi dell'articolo 3, comma 2, della  Legge  provinciale  del  17
agosto 1987, n. 21, svolge  interventi  nella  Provincia  di  Bolzano
primariamente  nella  zona,  che  viene  delimitata  dalle   seguenti
coordinate GPS: 

a)   46 °22'53" N    11 °34'07" O 
b)   46 °31'27" N    11 °29'10" O 
c)   46 °39'25" N    11 °36'07" O 
d)   46 °37'21" N    12 °14'42" O 

    Tale zona a ovest e' limitata dall'autostrada del  Brennero  A22,
che di per se' non fa piu' parte della zona di intervento. A  est  il
limite segue il confine naturale della Provincia autonoma di Bolzano.
Il limite a sud e a nord si forma tramite collegamento dei punti a) e
b) rispettivamente c) e d) con una linea retta. Se i  due  elicotteri
di cui al  comma  1,  non  sono  disponibili  la  centrale  emergenza
provinciale nei tempi di cui al comma 6 puo' servirsi dell'elicottero
sopra indicato anche per interventi in altre zone della Provincia. 
  6. Ai sensi dell'articolo 3, comma 2, della Legge  provinciale  del
17 agosto 1987, n. 21, i seguenti sono periodi di  maggiore  afflusso
turistico: 
    a) sabato prima dell'8 dicembre fino lunedi' di Pasqua (o fino al
2° sabato in aprile o fino alla  chiusura  degli  impianti  sciistici
nella stagione invernale); 
    b) 2° sabato in giugno fino alla 1ª domenica in ottobre. 
  7. Il servizio di antincendio obbligatorio  presso  tutte  le  basi
HEMS deve essere garantito dal gestore delle elisuperfici/eliporti  e
soddisfare le norme dell'ENAC nonche' corrispondere a tutte le  altre
previsioni e norme. Se il servizio  provinciale  di  pronto  soccorso
mediante eliambulanze non viene gestito in proprio  dalla  Provincia,
le spese del servizio antincendio  sono  parte  del  bilancio  e  del
budget del servizio di elisoccorso provinciale, che viene predisposto
dall'organizzazione alla quale e'  stata  affidata  la  gestione  del
servizio annuale di elisoccorso provinciale da parte della  Provincia
Autonoma di Bolzano e viene approvato dalla Giunta provinciale.
                               Art. 5 

 Presupposti, modalita' e procedure per l'intervento dell'elicottero 

  1. I presupposti  ed  i  criteri  per  l'invio  dell'elicottero  di
soccorso sono stabiliti con deliberazione della  Giunta  provinciale.
Le modalita' e le procedure  di  svolgimento  delle  operazioni  sono
concordate  tra  le  organizzazioni  di  soccorso   e   la   centrale
provinciale  d'emergenza.  Se  il  servizio  provinciale  di   pronto
soccorso mediante eliambulanze non viene  gestito  in  proprio  dalla
Provincia, l'organizzazione alla quale e' stata affidata la  gestione
del servizio  annuale  di  elisoccorso  provinciale  da  parte  della
Provincia Autonoma di Bolzano, ha l'obbligo di fissare le modalita' e
le procedure di svolgimento delle operazioni in  base  alle  premesse
elaborate dal comitato di cui all'articolo 6, comma 3. 
  2. Il compito di allertare e coordinare gli elicotteri di  soccorso
spetta alla centrale operativa provinciale per l'emergenza sanitaria. 
  3. Il numero di  chiamata,  gratuito  e  di  valenza  su  tutto  il
territorio provinciale, e' attualmente il «118». 
  4. Il servizio di  elisoccorso  con  almeno  un  elicottero  dovra'
essere assicurato dalle ore 6 al tramonto e comunque nei limiti delle
effemeridi aeronautiche dell'aeroporto piu'  vicino  alla  base.  Per
ottemperare  a  queste  prescrizioni,  esiste  la   possibilita'   di
scaglionare i tempi di servizio dei diversi elicotteri in servizio. 
  5. La Giunta provinciale e'  autorizzata  a  deliberare  un  orario
d'attivita' esteso all'arco delle 24 ore, non appena verranno  creati
i presupposti per consentire il volo notturno. La Giunta  provinciale
delibera inoltre il relativo incremento di spesa. 
  6. La centrale operativa di emergenza sanitaria  decide  in  merito
all'intervento dell'elicottero sulla base di  un  quadro  informativo
sanitario.  Negli  interventi  primari,  la  centrale  operativa   di
soccorso tiene  conto,  tra  l'altro,  della  particolare  situazione
stradale  e  del  traffico,   nonche'   dell'ubicazione   del   luogo
dell'emergenza. Di norma l'elicottero di  soccorso  puo'  intervenire
soltanto dopo che, dalla valutazione del singolo caso, sia  risultato
impossibile garantire un'assistenza medica alternativa ed altrettanto
tempestiva e qualificata, e qualora il trasporto non  possa  avvenire
altrimenti o sia realizzabile solo con un ritardo  insostenibile  dal
punto di  vista  medico.  Qualora  gli  elicotteri  del  servizio  di
elisoccorso non  fossero  disponibili  ad  intervenire,  la  centrale
provinciale  d'emergenza  puo'  chiedere  l'intervento  di  un  altro
elicottero idoneo. 
  7. L'indicazione medica che giustifica l'intervento dell'elicottero
di soccorso deve essere attestata dal  medico  che  presta  il  primo
soccorso sul posto o che dispone il trasferimento in una struttura di
alta specializzazione. In caso di interventi di soccorso  tecnico  in
montagna e in zone impervie e ostili  per  l'indicazione  medica  e/o
tecnica del soccorso decide  il  medico  d'urgenza  d'intesa  con  il
coordinatore  dell'intervento  della  stazione  del  Soccorso  Alpino
territorialmente competente. 
  8. I trasporti secondari vengono effettuati solo dietro indicazione
medica, qualora il trasporto con altro mezzo risulti inadatto  oppure
comporti un ritardo insostenibile. Per i trasporti secondari a  lunga
distanza, per i quali l'impiego di elicotteri sia  antieconomico,  la
Giunta provinciale puo' autorizzare la  stipula  di  convenzioni  con
societa' specializzate nel nolo di aeroambulanze.
                               Art. 6 

                              Vigilanza 

  1. Coloro ai quali viene affidato il servizio  di  pronto  soccorso
mediante  eliambulanza  devono  presentare  mensilmente  alla  Giunta
provinciale un rapporto sugli interventi effettuati, fornendo i  dati
relativi ai tempi di volo, alla  tipologia  e  al  luogo  di  ciascun
intervento, alla destinazione del  trasporto  e  alla  patologia  del
paziente. Nel rapporto dovranno essere indicati anche l'attivita'  di
addestramento concordata e svolta con l'equipaggio,  le  squadre  del
soccorso alpino o altre organizzazioni di soccorso, i voli di ricerca
e i falsi allarmi. 
  2.  Se  il  servizio  provinciale  di  pronto   soccorso   mediante
eliambulanze non viene gestito in proprio dalla Provincia, e' compito
dell'organizzazione alla quale e'  stata  affidata  la  gestione  del
servizio annuale di elisoccorso provinciale da parte della  Provincia
autonoma di Bolzano, di organizzare e gestire  l'intero  servizio  di
elisoccorso della Provincia di Bolzano, nonche' di coordinare tutti i
coinvolti e di accertarsi dell'osservanza delle prescrizioni  di  cui
all'articolo 5. 
  3.  Se  il  servizio  provinciale  di  pronto   soccorso   mediante
eliambulanze non viene gestito in proprio  dalla  Provincia,  per  le
consulenze tecniche e l'appoggio  professionale  viene  istituito  un
comitato tecnico, che periodicamente (almeno quattro volte all'anno o
all'occorrenza) tratta le materie scelte relative al settore  tecnico
ed operativo. Il comitato e' costituito dai responsabili delle  varie
organizzazioni,  nonche'  da  collaboratori  scelti,   che   svolgono
attivita' operativa nell'elisoccorso.  I  membri  del  comitato  sono
pertanto: due rappresentanti dell'organizzazione alla quale e'  stata
affidata la gestione del servizio annuale di elisoccorso  provinciale
da parte  della  Provincia  autonoma  di  Bolzano,  il  primario  del
servizio emergenza provinciale, rispettivamente un rappresentante del
Bergrettungsdienst im AVS, del Soccorso Alpino  CNSAS  di  Bolzano  e
dell'Associazione Provinciale di Soccorso Croce  Bianca,  nonche'  un
rappresentante del servizio di elisoccorso ai sensi dell'articolo  3,
comma 2, della Legge provinciale  del  17  agosto  1987,  n.  21.  La
presenza dei seguenti membri e' facoltativa: soccorritori di  volo  e
responsabili medici delle singole basi, la ditta appaltatrice (pilota
o tecnico), un disponente  della  Centrale  provinciale  emergenza  e
l'amministratore della piazzola. La presidenza del comitato spetta al
rappresentante dell'organizzazione alla quale e'  stata  affidata  la
gestione del servizio annuale di  elisoccorso  provinciale  da  parte
della Provincia autonoma di  Bolzano,  che  e'  responsabile  per  la
convocazione delle riunioni.
                               Art. 7 

                    Collaborazione con altri enti 

  1. Nell'ambito delle attivita' oggetto  del  presente  regolamento,
l'amministrazione  provinciale  puo'  instaurare  collaborazioni  con
Regioni e Paesi  limitrofi  (Austria,  Svizzera),  con  la  Provincia
autonoma di Trento, con il SUEM (Servizio  di  Urgenza  ed  Emergenza
Medica) operante in Provincia di Belluno ed  il  S.S.U.Em.  (Servizio
Sanitario Urgenza Emergenza) della Provincia di Sondrio, stipulando a
tal fine apposite convenzioni.
                               Art. 8 

                         Requisiti generali 

  1. Chi svolge l'attivita' di pronto soccorso mediante  eliambulanze
deve essere in possesso della prevista autorizzazione  sanitaria.  La
domanda per ottenerla, corredata della necessaria documentazione,  va
inoltrata all'Ufficio Igiene pubblica della Ripartizione  provinciale
Sanita'. 
  2. Per l'esercizio dell'attivita' contemplata nel presente  decreto
mediante utilizzo di un determinato tipo di  elicottero,  l'operatore
elicotteristico che presta il servizio deve essere in possesso  delle
necessarie licenze,  autorizzazioni,  approvazioni  e  certificazioni
ministeriali o di quelle dell'ENAC.
                               Art. 9 

                     Requisiti degli elicotteri 

  1. Gli elicotteri impiegati nelle attivita'  oggetto  del  presente
decreto devono: 
    a) avere caratteristiche, prestazioni e dotazioni che  consentano
loro di svolgere, in conformita' alle norme vigenti, i compiti  e  le
attivita'  di  cui  all'articolo  3  su  tutto  il  territorio  della
provincia di Bolzano; 
    b) essere  approvati  dall'ENAC  nella  configurazione  operativa
prevista per le diverse attivita'; 
    c) essere omologati per il trasporto di almeno quattro persone di
equipaggio e di almeno un paziente in  posizione  supina.  Lo  spazio
residuo deve consentire l'accesso al paziente durante il volo; 
    d)  gli  elicotteri  dell'organizzazione  alla  quale  e'   stata
affidata la gestione del servizio annuale di elisoccorso  provinciale
da parte della Provincia autonoma di Bolzano devono essere di  colore
arancione con una fascia bianca laterale ed una  croce  bianca  sulla
parte posteriore della cabina dell'elicottero  e  riportare  il  logo
HELI sulle portiere. Tutti gli elicotteri del servizio di elisoccorso
provinciale devono riportare la scritta «Landesflugrettung Sudtirol -
Elisoccorso  provinciale  Alto  Adige».  Il  logo  del  numero  unico
d'emergenza sanitaria ed il logo  delle  organizzazioni  di  soccorso
presenti nel comitato tecnico ai sensi dell'articolo 6, comma 3.
                               Art. 10 

               Equipaggiamento sanitario e di soccorso 
                          standard di bordo 

  1.  Le  attrezzature  sanitarie,  i  medicinali  ed  il   materiale
sanitario di consumo  e  tecnico-alpinistico,  che  costituiscono  la
dotazione standard  di  ogni  elicottero  di  pronto  soccorso,  sono
determinati  con  deliberazione  della  Giunta  provinciale.  Se   il
servizio provinciale di pronto  soccorso  mediante  eliambulanze  non
viene gestito in  proprio  dalla  Provincia,  questo  obbligo  spetta
all'organizzazione alla quale  e'  stata  affidata  la  gestione  del
servizio annuale di elisoccorso provinciale da parte della  Provincia
autonoma di Bolzano. 
  2. Al responsabile sanitario o ad  altro  medico  da  lui  delegato
spetta  il  controllo  delle  attrezzature  mediche,  dei   materiali
sanitari e dei medicinali presenti a bordo.
                               Art. 11 

                     Equipaggio di soccorso HEMS 

  1. L'equipaggio di soccorso HEMS e' costituito  dall'equipaggio  di
condotta e, normalmente, da tre passeggeri, che sono in  possesso  di
una formazione prevista dall'ENAC, dal gestore dei singoli elicotteri
e dalla normativa vigente in materia. 
  2. L'equipaggio di condotta e' costituito da un pilota. Nel caso in
cui l'orario di attivita' venga esteso come indicato all'articolo  5,
comma  4,  l'equipaggio  di  condotta,  nell'arco   notturno,   sara'
costituito ai sensi delle norme vigenti. I requisiti professionali  e
l'esperienza dell'equipaggio di condotta non devono,  in  ogni  caso,
essere inferiori a quelli indicati nelle norme in vigore. 
  3. Gli ulteriori passeggeri sono: il membro d'equipaggio HEMS nella
figura del tecnico e due passeggeri sanitari, di cui uno e' il medico
d'emergenza e l'altro un infermiere, in possesso  di  una  comprovata
esperienza nell'area critica o intensiva, o un soccorritore  con  una
formazione sanitaria adeguata. 
  4. Le missioni in  montagna  ed  in  ambiente  impervio  ed  ostile
richiedono la presenza a bordo di un soccorritore del Soccorso Alpino
in possesso di una formazione ai sensi del comma 5. In tal  caso  non
e' necessaria la presenza di un infermiere o di un soccorritore. 
  5. Per poter  operare  a  bordo  degli  elicotteri  di  soccorso  i
passeggeri sanitari ed i  soccorritori  del  Soccorso  Alpino  devono
avere  frequentato  specifici  corsi  di  addestramento,  cosi'  come
previsto dalla normativa vigente. 
  6.  Se  il  servizio  provinciale  di  pronto   soccorso   mediante
eliambulanze  non  viene  gestito   in   proprio   dalla   Provincia,
l'organizzazione e l'addestramento del personale medico e non medico,
nonche' la creazione delle premesse per l'attivita' di formazione nel
settore dell'elisoccorso e' compito dell'organizzazione alla quale e'
stata affidata  la  gestione  del  servizio  annuale  di  elisoccorso
provinciale da parte della Provincia autonoma di Bolzano. 
  7. Ad ogni intervento il pilota  decide,  d'intesa  con  il  medico
d'emergenza, quali sono i membri  dell'equipaggio  o  le  persone  da
prendere a bordo. La decisione e' presa in conformita' alle modalita'
ed  alle  procedure  di  cui  all'articolo  5,  concordate   tra   le
organizzazioni di soccorso e  la  Centrale  provinciale  d'emergenza.
Negli interventi in montagna la  decisione  viene  presa  dal  pilota
d'intesa con il soccorritore alpino. 
  8. Tutti i membri dell'equipaggio di  soccorso  devono  partecipare
regolarmente per un massimo di  10  giorni  lavorativi,  a  specifici
corsi di aggiornamento che abbiano come tema anche argomenti  medici,
tecnica di pronto soccorso e di elisoccorso. Le spese  relative  sono
rimborsate dalla Giunta provinciale. La Giunta  provinciale  mette  a
disposizione inoltre un credito di ore  di  volo  per  il  necessario
training di volo dei membri di equipaggio.
                               Art. 12 

                          Vigilanza tecnica 

  1. La vigilanza tecnica sull'applicazione del presente  regolamento
e'  effettuata  dai   Servizi   Igiene   Pubblica   dei   comprensori
dell'azienda sanitaria dell'Alto Adige competenti per  il  territorio
su cui sono dislocate le basi e in casi particolari, in accordo con i
predetti servizi, dalla Ripartizione provinciale Sanita'. 
  2.  Se  il  servizio  provinciale  di  pronto   soccorso   mediante
eliambulanze  non  viene  gestito  in  proprio  dalla  Provincia,  la
vigilanza  tecnica  di  cui  al  comma   1   puo'   essere   delegata
all'organizzazione alla quale  e'  stata  affidata  la  gestione  del
servizio annuale di elisoccorso provinciale da parte della  Provincia
autonoma  di  Bolzano,  che  per  l'espletamento  della  stessa  puo'
servirsi di esperti, che non devono essere membri dell'organizzazione
stessa. In  caso  di  avvenuta  delega  la  vigilanza  tecnica  viene
effettuata in base alle indicazioni dei servizi di cui al comma 1. Se
vengono  riscontrate  irregolarita',  queste  vengono  comunicate  ai
servizi di  cui  al  comma  1,  perche'  questi  possono  prendere  i
provvedimenti necessari.
                               Art. 13 

                               Rinvio 

  1. Oltre a quanto previsto dal presente regolamento,  si  applicano
le norme inerenti alle operazioni del servizio  medico  di  emergenza
con elicottero (HEMS) e SAR - elisoccorso in  montagna,  emanate  dal
Ministero dei Trasporti, Direzione  Generale  dell'Aviazione  Civile,
dell'EASA (Agenzia europea  per  la  sicurezza  aerea)  e  dall'ENAC,
nonche' tutte le altre normative vigenti in materia di volo.
                               Art. 14 

                             Abrogazione 

  1. Il presente decreto sostituisce il decreto 8 aprile 2003, n. 11. 
  Il presente decreto sara' pubblicato nel Bollettino Ufficiale della
Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di  farlo
osservare. 
    Bolzano, 24 ottobre 2013 

                             DURNWALDER
di Massimo Pacifici

Medico chirurgo, specialista in chirurgia generale.


Lascia un commento

  

  

  

Questo sito usa i Gravatar, Avatar Globalmente Riconosciuti. Se hai registrato il tuo indirizzo email con questo servizio, la tua icona personale apparirà vicino al testo del tuo commento.

Puoi usare questi tag HTML.

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>